ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Nell’hotel più letterario di New York, c'è una suite per sentirsi Gertrude Stein

La scrittrice, poetessa e attivista americana rivive nella suite al decimo piano del Renwick Hotel, ovviamente firmata da un team tutto al femminile

renwick-hotel-manhattan-new-york-suite-gertrude-stein
Sean T. Ackley

Il Renwick Hotel, l’hotel a Mahattan dedicato agli scrittori, aperto un anno fa su progetto dello studio Stonehill & Taylor Atchitects and Planners (interior designer di ACE Hotel), inaugura una nuova suite al decimo piano. Questa volta si rende omaggio a una figura femminile: Gertrude Stein, la scrittrice che si aggiunge al gruppo dei letterati della generazione americana a cui sono dedicati gli interni dell’ho Scott Fitzgerald, Thomas Mann e John Steinbeck.

I celebri scrittori e fondatori dell’avanguardia americana sono l’ispirazione delle camere dell’albergo pensate come writer studio, dove ogni dettaglio del design rimanda alle caratteristiche e alle tematiche affrontate dalle diverse figure letterarie.

La nuova suite è tutta al femminile, con opere d’arte e di design di artiste locali che s’ispirano ai motivi letterari e alle tematiche tanto care alla scrittrice e attivista americana. Come il tema floreale e il collage con la scritta dalla forma di una rosa realizzato da Kim Edwards, che spicca in black&white sulla parete della camera da letto, con la celebre frase della scrittrice: “la rosa è una rosa è una rosa” (leggi anche → Il design al femminile della New York Design Week).

Tutte le foto: Sean T. Ackley

La camera dell’hotel più letterario di New York è separata da un’area living con uno scrittoio che invita alla lettura, con i tanti titoli appartenuti alla biblioteca della Stein e alcune copie di vecchi libri, tra cui i racconti di Hemingway e i dipinti di Matisse.

Il decor è ricco di palette cromatiche accese, dal giallo della poltrona in pelle al divano dai toni del verde scuro-blu che dialogano con i motivi geometrici astratti della carta da parati e dei tappeti blu, il colore preferito dalla Stein.


di Monica Mascia London / 22 Maggio 2017

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

[Speciale New York]

Italiani in festa a Soho

New York si innamora ancora una volta del design Made in Italy

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

3 mostre a New York

Gli indirizzi del momento per i design-lover

mostre

[Speciale New York]

Design segreto

In visita nello spazio privato di The Future Perfect a NY

new york design week 2017

[Speciale New York]

American Style

5 tendenze made in USA per arredare casa e ufficio

New York Design Week 2017

[Speciale New York]

A NYC l'arte incontra il design

3 performance live per la poltrona Re-Vive di Natuzzi Italia

new york design week 2017

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | | | Comunicato tariffe politiche elettorali