ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Come si trasforma una poltrona di design in un'opera d'arte?

3 artisti newyorkesi interpretano Re-vive, il pezzo icona di Natuzzi Italia

natuzzi-revive

La poltrona Re-vive di Natuzzi Italia. Sarà protagonista di una installazione durante la design week di New York

Sempre di più a New York il design parla italiano. Non stupisce dunque che tra i brand made in Italy protagonisti della kermesse NYCxDesign spicchi Natuzzi Italia con un progetto installativo, che riunisce arte, design e charity, che sarà presentato il 22 e il 23 maggio nel cuore di Soho al 63 di Greene Street in collaborazione con Design Industries Foundation Fighting AIDS, l'associazione che dal 1984 mobilita le risorse e il potenziale creativo della comunità dei designer per finanziare terapie e programmi educativi conto l'AIDS.

Re-Thinking Re-vive: New Icons for New York è il nome scelto per la mostra che vedrà al centro della scena la poltrona più iconica di Natuzzi Italia reinterpretata in modo assolutamente personale e non convenzionale da tre artisti newyorchesi: Ed Granger, Hektad, Jon Burgerman. Re-vive, prima e unica poltrona al mondo dotata di un sistema reclinabile perfettamente adattabile al corpo umano, diverrà per l’occasione una tela sulla quale, durante una performance live interattiva, l'oggetto di design si trasformerà in opera d’arte grazie all'intervento dei 3 creativi.

Ed Granger, artista multimediale basato a Brooklyn, crerà un'opera ispirata a due suoi quadri che ricordano lo screensaver di Windows 95. Hektad, pioniere della Graffiti Art newyorchese, interpreterà il tema dell'amore da sempre al centro della sua originale produzione. Jon Burgerman, promotore dell’improvvisazione e della spettacolarizzazione dell’arte e noto disegnatore di doodles, darà vita a un luogo per sognare perfetto per sentirsi altrove: una poltrona per sedersi e pensare, mangiare e bere, scarabocchiare e riposare.


di Alec Cinque / 19 Maggio 2017

CORNER

Speciale New York collection

[Speciale New York]

Gucci a New York

La casa di moda apre un nuovo spazio al 63 di Wooster Street

Travel

[Speciale New York]

La casa di Sottsass

Una 27enne allestiste la sua casa dei sogni per NYCXDesign 2018

New York Design Week 2018

[Speciale New York]

Se a New York è primavera

Cinque scorci della grande mela perfetti per Instagram

itinerari

[Speciale New York]

Il design a New York

I 12 appuntamenti imperdibili di NYC X Design 2018

New York Design Week 2018

[Speciale New York]

I taxi azzurri di NY

Tiffany dipinge la Grande Mela per raccontare i suoi nuovi gioielli

Travel

[Speciale New York]

Un colosso cambierà NYC

Una passeggiata immaginaria alla scoperta di Hudson Yards

Progetti

[Speciale New York]

5 novità a New York

Lo skyline più bello del mondo sta cambiando faccia

progetti

[Speciale New York]

New York sommersa

Due registri immaginano New York con il surriscaldamento globale

New York

[Speciale New York]

Wright dietro le quinte

Una mostra al MoMA racconta i suoi tesori d'archivio

mostre

узнать больше alex-car.com.ua

подробно

источник

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |