ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

"Only the best", i superprogetti che abbiamo visto al Superstudio

Nomi noti come Nendo e Cappellini, scampoli di futuro e ironia: i progetti più interessanti del Superdesign Show durante il FuoriSalone 2018

superstudio-piu-fuorisalone-2018
Lorenzo Bacci

Se Clark Kent aveva bisogno di una cabina del telefono per diventare Superman, al Superstudio Più basta l’arrivo della Milano Design Week per convogliare i “superpoteri” di designer, affermati ed emergenti, provenienti da tutto il mondo nel consueto Superdesign Show.

Uno degli appuntamenti più conosciuti di tutto il FuoriSalone di Milano, che anche quest’anno ha ospitato un caleidoscopico universo di idee, vestendosi di creazioni in arrivo dal lontano Oriente, sorprendenti scampoli di un futuro non troppo lontano, arditi spazi abitativi e suggestive installazioni firmate da celebri architetti e designer.

All’interno dei 13.000 mq dello storico hub della creatività di via Tortona, la parola d’ordine è stata essenzialità, efficacemente rappresentata dal mantra Only The Best, scelto come tema dell’avventura di quest’anno.

Quando si parla di elegante minimalismo non si può non pensare alla filosofia progettuale di Nendo, lo studio di design giapponese guidato da Oki Sato, che quest’anno è stato protagonista al Superstudio Più con l’installazione Forms of Movement: uno scenografico labirinto popolato da dieci oggetti concettuali, ispirati all’idea del movimento.

Un luogo sospeso tra poesia e innovazione, nel quale grazie a tecnologie e materiali innovativi prendono forma oggetti dalle dinamiche uniche (foto in apertura).

Leggi anche:  Quest'anno al FuoriSalone nendo stupisce con la materia e i piccoli oggetti quotidiani

Yokohama Makers Village - foto di Lorenzo Bacci

Il viaggio nel lato nipponico di questa edizione del Superdesign Show prosegue con l’omaggio curato da Giulio Cappellini alla fantasia di Shiro Kuramata (1934-1991), autore proprio per Cappellini di alcune vere e proprie icone di design, con le idee del giovanissimo studio Yoy (yoy-idea.jp), le creazioni metalliche dello Yokohama Makers Village e la spettacolare combinazione di note, luci, trasparenze, immaginata da Takahiro Matsuo per Kawai.

 

Design In The Age of Experience - foto di Lorenzo Bacci

Il tocco visionario del Sol Levante ha reso speciale anche l’imponente installazione progettata da Kengo Kuma con Dassault Systèmes, per l’esposizione Design In The Age of Experience: una grande scultura sospesa creata modellando con l’antica arte degli origami un tessuto in grado di assorbire le sostanze inquinanti presenti nell’aria, il cuore pulsante di una mostra che raccoglie tante avveniristiche idee per un futuro più green.

Leggi anche: Da Superstudio si respira un'aria migliore grazie (anche) a Kengo Kuma 

Superloft - foto di Lorenzo Bacci

Italianissimo era invece l’universo abitativo immaginato dall’architetto/designer Giulio Cappellini e battezzato Superloft.

Una grande casa ideale nella quale si incontrano produzione industriale e lavorazione artigianale, funzionalità ed estetica, intimità domestica e suggestioni cosmopolite. A rendere cool, eclettica, colta ed elegante la casa ideale secondo Cappellini, le idee di designer affermati e talenti emergenti accanto ai prodotti di eccellenze mondiali e di brand simbolo del Made in Italy.

 Leggi anche: Giulio Cappellini, "per il mio 40esimo Salone del Mobile vi invito nel mio SuperLoft"

Private Icons - foto di Lorenzo Bacci

A fare da ambasciatori della fantasia del Belpaese, anche le Private Icons di Ceramica Flaminia, raccolte in una scenografica installazione, la vivace Millennial Pink Room pensata per l’occasione dalle due anime di DesignByGemini, Elena e Giulia Sella, o le idee degli studenti dell’Istituto Marangoni per la maison orologiera svizzera Rado.

 

Idea - foto Ufficio Stampa Superstudio Più

Tra le proposte più curiose presenti quest’anno al Superstudio Più, anche le coloratissime creazioni super green per bambini di Ecobirdy, create recuperando la plastica di vecchi giocattoli attraverso un originale procedimento elaborato dai designer Vanessa Yuan e Joris Vanbriel, o l’ironico omaggio (non autorizzato) allo stile Ikea, composto dal designer Niklas Jacob per Idea – The Design Supermarket.

 


di Francesco Marchesi / 28 Aprile 2018

CORNER

Salone Del Mobile collection

[Salone Del Mobile ]

Può essere il cemento leggero?

La storia di Forma&Cemento, nato da due giovani siciliani a Roma

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Tendenze letto al Salone 2018

Letti matrimoniali minimal, morbidi, funzionali e storici

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Il meglio del SaloneSatellite

I giovani del design si fanno i muscoli a Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superloft di design

Tour nella casa ideale di Giulio Cappellini al FuoriSalone 2018

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Come un arazzo

Vito Nesta firma Heritage, una nuova collezione di wallpaper

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Design Language Hotel

La Babele del design in scena al Nhow Hotel di via Tortona

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Raccontare Lina Bo Bardi

Nilufar Depot parte dai mobili per delineare una figura straordinaria

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Interferenze tra moda e design

Sperimentazione, piattaforme digitali e ritorni al passato influenzano la moda

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Superstudio Samurai

Il design giapponese visto quest'anno in via Tortona

Milano Design Week 2018

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |