ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

La prima collezione di arredamento di Etro, raccontata da Jacopo Etro

Dal’iconico paisley ai materiali luxury, l’eclettismo di Etro veste la casa con una collezione dedicata al viaggio, in anteprima al Salone del Mobile 2018

jacopo-etro
Giovanni Gastel

Jacopo Etro è un direttore creativo appassionato di tessuti, che conosce e legge nel loro significato culturale, storico e antropologico.

Primogenito di Gimmo Etro, entra nell’azienda di famiglia nel 1982, assumendo la direzione proprio delle collezioni Tessuto, a cui unisce, negli anni successivi, Accessori, Pelletteria e Home.

Insieme ai suoi fratelli, ha coltivato l’amore per le arti, in particolare per la fotografia e la letteratura del Novecento, ampliando e arricchendo di contenuti l’archivio di Etro. Il design eclettico della nuova collezione Home Interiors, sposa la tradizione del made in Italy ad una serie di elementi esotici, che traggono dal tema del viaggio la principale fonte di ispirazione.

Etro lancia una nuova linea di arredamento Home Interiors che verrà presentata in occasione del prossimo Salone del Mobile 2018. Ci da qualche anticipazione?

Quattro diverse narrazioni raccontano l’animo della collezione di mobili dal design lineare ed elegante, caratterizzati dall’incontro tra materiali pregiati e i nostri tessuti iconici, realizzati in esclusiva per questa linea. Un’unica collezione declinata in quattro scenari, dove lo stile inconfondibile Etro, da sempre sinonimo di ricercatezza, creatività e senso del colore, “veste” la casa.

Una linea di furnishing ispirata al viaggio. Come coniugare questi due elementi?

Il viaggio è una tematica sempre presente nelle nostre collezioni. I nomadi si spostavano, i militari nell’800 spostavano la loro casa, il loro letto… è un po’ da questo concetto di mobilità che nasce la poltrona Babel, un raffinato elemento d’arredo che richiama nella forma una sedia smontabile da viaggio. Il tema del viaggio viene enfatizzato dalla presenza di una valigia, nella quale è possibile trasportare la poltrona e idealmente partire verso le terre lontane.

L’Oriente è diventato un grande romanzo da cui attingere le immagini e i dettagli per sedute, divani, tavoli e librerie. Quanto c’è della moda Etro di questa stagione firmata nella nuova collezione Home Interiors?

Sono presenti le stampe iconiche di Etro, i disegni Paisley, i bamboo in ottone, un divano d’ispirazione ottomana.

Attraverso il design, Etro esalta ancora una volta la straordinaria maestria degli artigiani italiani. Qual è, oggi, l’elemento che fa la differenza in un prodotto made in Italy?

La cura dei dettagli delle lavorazioni e delle finiture, l’altissima qualità dei materiali utilizzati, i tessuti studiati appositamente per la linea e il fatto che la collezione sia prodotta effettivamente interamente in Italia.

Dai dettagli in oro galvanizzato, alle lacche, passando per componenti in ottone e piani in marmo Eramosa, la collezione è ricca di dettagli luxury. Cosa significa la parola lusso ricondotta all'interior design?

Per noi il lusso è sinonimo di altissima qualità, ma anche il saper creare un’atmosfera calda ed accogliente, dove colori intensi convivono in armonia.

Suo padre, Gimmo, parlando della passione per i viaggi disse che ogni destinazione è come una “full immersion in culture delle quali studi i fenomeni attraverso gli oggetti, aspirandone i valori”. L’arredamento firmato Etro era, dunque, già nel dna del marchio. Come lo ha alimentato tutta la famiglia fino a farlo diventare una linea per la casa prima e, oggi, una proposta completa di design?

La nostra è sempre stata una famiglia di viaggiatori, per cui i viaggi verso paesi lontani, come in Oriente e India, vissuti con gli occhi di un europeo, sono sempre stati una fonte inesauribile di ispirazione.  

La gamma del violet, colore di tendenza di quest’anno, sposa il Paisley. In che modo i tessuti esaltano il design rendendo ogni oggetto moderno e, insieme, fuori dal tempo?

Il Paisley è un decoro antichissimo che stagione dopo stagione, collezione dopo collezione, fiorisce sui tessuti portando con sé tutta la sua magia ed i suoi significati. Per questo motivo nei secoli si è evoluto mantenendo un’allure a-temporale e contemporanea, soprattutto abbinato a colori inusuali, quali i toni del viola.

Qual è l’oggetto immancabile in una casa per Jacopo Etro? E quale, se c’è, quello per cui ha lottato di più o a cui è più affezionato in questa collezione?

Un divano molto comodo, pieno di cuscini, caldo come una cuccia, elegante e nello stesso tempo grande per potersi sdraiare, come se fosse un letto. Abbiamo realizzato il divano da pascià Woodstock della nostra collezione: esotico e d’ispirazione ottomana.

Il design, come la moda, può essere considerato un linguaggio universale?

Sì, è un linguaggio universale perché rispecchia la società e quello che essa desidera e ambisce.

Etro è celebre per l’eclettismo e la vicinanza alle arti. A quanti altri viaggi ha pensato per le prossime collezioni?

Alcune regioni dell’India che non ho ancora visitato, come Punjab - stato al confine con il Pakistan - e Orissa; ma anche il Giappone con i suoi bellissimi kimono sarà sicuramente una futura fonte di ispirazione.


di Manuele Menconi / 14 Aprile 2018

CORNER

Salone Del Mobile collection

[Salone Del Mobile ]

Lo spettacolo della luce

Installazioni e sperimentazioni negli showroom del centro a Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Scent of Design

Uros Mihic firma l'installazione nella boutique Frederic Malle

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Best of Isola

5 indirizzi da non perdere nel distretto del design

Milano Design District

[Salone Del Mobile ]

New seating

I divani raccontano i nuovi stili di vita

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

La filigrana del tempo

Diego Grandi racconta la sua capsule per D1 Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Design in caverne

Il Best of di Ventura Centrale in Ferrante Aporti

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Pausa pranzo da Millennials

Il temporary restaurant di irefuse a Palazzo Bovara

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Doppio gioco

La natura della luce: Michael Anastassiades a Milano

Milano Design Week 2018

[Salone Del Mobile ]

Le regole del design

Con un labirinto Bvlgari parla della sua storia di gioielleria e design

Milano Design Week 2018

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |