SALONE ESSENTIALS: 7 COSE DA METTERE IN VALIGIA PER UN LOOK A PROVA DI DESIGN WEEK

Piccola guida pragmatica all’abbigliamento giusto (per lei) per la settimana del design di Milano, dal capospalla alle scarpe

image
Unsplash

Si, al Salone del Mobile si va per vedere tutte le novità in fatto di arredo e design, ma da quando il FuoriSalone è diventato un vero e proprio evento sociale ci si va anche per conoscere persone e allargare i propri . E il miglior biglietto da visita è la propria presenza.

Ma come ci si veste al Salone del Mobile?

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Tra regole delle compagnie aeree sempre più ferree e giornate interminabili che ci chiedono di stare fuori dalla mattina alla sera, mai come al Salone di Milano è importante essere pragmatici anche nella scelta dell’abbigliamento.

Se hai già deciso cosa vedere al Salone e Fuorisalone di Milano 2018, è ora di cominciare a pensare a cosa mettere in valigia. Ci siamo fatti aiutare dalla redazione di gioia.it, che ha selezionato per noi i 7 capi che ci salveranno la vita (o almeno il look) durante la Design Week.

Partiamo dalla giacca, perché il Salone del Mobile 2018 cade nel pieno di una primavera che ancora fatica a farsi sentire: il momento perfetto per il light coat, “che mantiene il lato sartoriale dei capispalla ma sono realizzati con tessuti leggeri, primaverili, freschissimi”.

image
Getty Images

La giacca doppiopetto è un altro grande passe-partout, da indossare con taglio classico o ispirandosi alle ultime tendenze di street style, per un look adatto alla giornata in fiera ma anche ai party del FuoriSalone.

image
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

E sotto la giacca? La camicia maschile, ovviamente! Che sia la classica camicia celeste oxford o la camicia bianca, passando ovviamente per la camicia di jeans, è l’indumento che non può mancare nella valigia del FuoriSalone, soprattutto perché regala quell’aspetto chic e mascolino che tanto piace ai creativi.

image
Getty Images

Lontana anni luce dai modelli confinati alla palestra, oggi la tuta sportiva è diventata un’altro di quei capi con cui andare ovunque, dal cocktail all’appuntamento di lavoro più formale. E questo la rende una soluzione perfetta per chi non da come vestirsi alla Milano Design Week.

image
Getty Images

Distretto che vai, leggings che trovi. L’importante è scegliere modelli che sembrino veri e propri pantaloni, nonostante occupino in valigia lo spazio di un collant.

image
Getty Images

E ora veniamo al vero dramma di chiunque si appresti a macinare chilometri a caccia dell’evento più interessante del Fuorisalone di Milano: le scarpe, che devono essere comode come pantofole e belle come pezzi di design. La soluzione sono, ovviamente, le sneakers firmate.

image
Getty Images

L’altro grande fashion dilemma del Salone sono le borse: se la tote bag è l’idea giusta per portare con sé cataloghi, acqua e altri generi di sopravvivenza, per gli effetti personali meglio scegliere qualcosa di piccolo e leggero. Quest’anno ci aiuta la moda, che sembra abbia deciso di riesumare un accessorio tanto bistrattato negli ultimi anni: il marsupio.

image
Getty Images
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pubblicità - Continua a leggere di seguito


itlas bagni in legno WOOD TOTAL LOOK FOR THE BATHROOM


piastrelle abk group THE NEW FORMS OF WELLNESS
cesar cucina Il cuore (della casa) è in cucina

cucina Maris Free by Dror per Franke Riportare la natura in cucina