BVLGARI AL FUORISALONE ROMPE (E REINVENTA) LE REGOLE DEL DESIGN. CON UN LABIRINTO

Con una grande installazione al Brera Design District, la maison romana racconta la sua storia e il suo legame con il design, che è molto più forte di quanto immaginiate

image
Lorenzo Bacci

Pop e aristocratico come solo un brand storico della gioielleria made in Italy può essere, l’allestimento di Bvlgari al FuoriSalone 2018 è un labirinto in cui ci si perde non solo tra gli spazi, ma anche tra i molteplici livelli di lettura che propone.

Il pattern bianco e nero ispirato alla collezione B.zero 1 diventa pareti, soffitti e pavimenti di questo spazio nel cuore del Brera Design District, in un percorso illuminato dalle regole del design secondo Bvlgari: segui le regole, rompi le convenzioni, cattura l’inaspettato e reinventa le regole.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Le teche di vetro incastonate nei segmenti del labirinto raccontano la storia della collezione B.zero 1, gioiello icona della maison romana.

Materiali, modulari e colore diventano poi tre stanze, progettate rispettivamente da MVRDV, che trasforma il bracciale Serpenti in un’esperienza spaziale in una volta caleidoscopica di materiali legati al mondo Bvlgari; Storagemilano racconta le geometria, gli ori e i tagli multisfaccettati delle pietre; Ivan Navarro con Cournety Smith esplora il tema della luce attraverso neon colorati e specchi.

image
Lorenzo Bacci

Questa è la prima volta di Bvlgari al Salone del Mobile: cosa vi ha spinto a partecipare?

In realtà sono 10 anni che Bvlgari partecipa al FuoriSalone, ma sempre a casa sua, nell’hotel. Questa volta abbiamo pensato che fosse il momento di uscire, per entrare al FuoriSalone con uno spazio di esperienza, di osare un po’ di più e di avvicinarci al pubblico internazionale del Salone del Mobile.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Non tutti conoscono la storia di questo brand, che è strettamente legato al design: questo abbiamo voluto raccontare a tutti.

Abbiamo immaginato un “percorso Bvlgari”, che comprende anche un’installazione all’hotel, il Mirror Cube e la Bvlgari Gallery nella boutique di via Montenapoleone.

Tutto legato alla B.zero 1, la collezione icona del legame tra la gioielleria Bvlgari e il design.

Bvlgari sinonimo di gioielli, che è quanto di più piccolo si possa progettare, si confronta con gli spazi grandi dell’architettura in un’installazione di oltre 1.000 metri quadri. Qual è il fil rouge che contraddistingue un approccio che rimane fedele a se stesso a qualsiasi scala?

Affrontare la scala micro e macro è una bellissima esperienza. La prima cosa a cui pensiamo quando si parla di un gioiello è un’altissima attenzione al microcosmo dei dettagli. Questa è la prima lezione che ho imparato dalla gioielleria. Ed è quello che fa la differenza anche quando ci si confronta con la scala architettonica.

Bvlgari ha creato un codice estetico con gioielli bold che giocano col volume, geometrie semplici e colori azzardati: noi prendiamo questi principi e li rendiamo macro, cercando di portare nello spazio il valore creativo ed emozionale di un gioiello.

In questo spazio labirintico l’anello è diventato un pattern che ci avvolge, ma allo stesso tempo, nei punti in cui abbiamo esposto fisicamente la collezione B.zero 1, torna immediatamente l’indiscusso protagonista.

image
Lorenzo Bacci
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

L’installazione si chiama Bvlgarirules: ci sono regole da seguire, che a loro volta ne infrangono altre. Quali sono le regole di Bvlgari?

La collezione B.zero 1 nasce da “reinventing rules”, dalla rottura di alcune regole base della gioielleria: se quando ti avvicini a qualcosa, le regole sono fondamentali (“follow the rules”), quando acquisti esperienza sei pronto per romperle (“break the conventions”) e reinventarle (“all rules can be reinvented”).

Le regole che ci siamo dati sono legate agli aspetti del gioiello, ma anche del brand stesso. Mi riferisco in particolare alla modularità, perché B.zero 1 è un gioiello con cui puoi giocare, che amano il concetto di playfulness raccontato nella stanza di Storagemilano, in cui sperimentare con i rumori e i suoni, lasciando libera l’immaginazione.

image
Lorenzo Bacci
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Ivan Navarro, MVRDV e Storagemilano, i tre protagonisti delle “stanze d’esperienza” sono figure molto diverse: perché proprio loro?

Perché la creatività è diversa!

Siamo partiti da una ricerca di artisti e architetti che condividessero i principi del nostro brand: modularità, colore legato alla luce e sperimentazioni dei materiali.

Fissati questi punti, abbiamo guardato prima agli artisti con cui avevamo già instaurato un rapporto di collaborazione.

Con MVRDV abbiamo iniziato a lavorare un paio di anni fa, per la sperimentazione di un materiale da applicare sulla facciata del nostro negozio di Kuala Lumpur. Se B.zero 01 infrange le regole dei materiali con la ceramica, il bronzo, il metallo, l’architettura di MVRDV lo fa con un cemento al cui interno viene colata una resina di vetro, utilizzando la stessa tecnica di produzione del nostro Serpenti.

Con Storagemilano, uno studio che ho conosciuto quasi per caso, abbiamo cercato il legame con la città di Milano, mentre Ivan Navarro è una proposta arrivata da uno dei membri più giovani del mio team, che mi ha convinto con questa frase: “la sua luce è poesia”.

image
Lorenzo Bacci
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Cosa si aspetta Bvlgari dal FuoriSalone?

Mi piacerebbe che si raccontasse di quanto la storia di questo brand sia profondamente legata al design, che riuscissimo a trasmettere quanta progettualità c’è nella nostra gioielleria, quanto gli oggetti della vita quotidiana siano ispirazione fondamentale (se ci pensi, il Serpenti non è altro che un tubo della doccia reinterpretato e elevato a gioiello).

È solo con questo approccio, con i limiti, i vincoli e la semplicità, che la creatività riesce a fare il suo percorso e a trovare la bellezza in qualsiasi oggetto, e in qualsiasi materiale.

image
Lorenzo Bacci
image
Lorenzo Bacci
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Pubblicità - Continua a leggere di seguito


itlas bagni in legno WOOD TOTAL LOOK FOR THE BATHROOM


piastrelle abk group THE NEW FORMS OF WELLNESS
cesar cucina Il cuore (della casa) è in cucina

cucina Maris Free by Dror per Franke Riportare la natura in cucina


читать детальнее на сайте

https://medicaments-24.com

www.best-cooler.reviews