Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo
Courtesy Photo

Torna il prestigioso Porada International Design Award: per il 2016, l’edizione del concorso internazionale è dedicata alle diverse tipologie di appendiabiti. Promosso da Porada Arredi, impresa leader nel settore della produzione di mobili e complementi per l’arredo, e POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, con il patrocinio di ADI, Associazione per il Disegno Industriale, il concorso si rivolge a progettisti e creativi italiani e stranieri, singoli o in gruppo, studenti o professionisti, sfidandoli a individuare concept innovativi di porta-abiti da parete o da terra, attrezzati o attrezzabili. Il nuovo bando è stato ufficialmente lanciato in occasione della Milano Design Week 2016, nell’ambito della cerimonia di premiazione dei progetti vincitori della quarta edizione del concorso, dedicata alle Media Unit, che si è svolta presso lo stand Porada al Salone Internazionale del Mobile di Rho lo scorso 13 aprile. Un’edizione, quella del 2015, che ha raccolto ben 156 candidature provenienti da tutto il mondo: Italia, Iran, Ukraina, Grecia, Brasile, Messico, Perù, Indonesia e Giappone sono alcuni dei paesi che hanno aderito e che ha visto il riconoscimento di sei progetti che si sono distinti per la loro qualità.

Ma chi sono i vincitori del Porada International Design Award edizione 2015? A vincere il concorso per la categoria Professionisti è stato il mobile per HI‐FI, TV e prodotti multimediali "Concept Balcony", presentato dal progettista tedesco Philipp Schaake. Italiano, invece, il vincitore tra gli Studenti candidati: Luca Nodari, del Politecnico di Milano, si è aggiudicato il primo premio della categoria con “Orbita”.

I progetti relativi all’edizione 2016, da presentare entro il 30 Novembre 2016, dovranno essere originali, inediti e finalizzati a valorizzare l’impiego di tecnologie produttive e processi di lavorazione e nobilitazione tipici del legno massello attraverso la creazione di portabiti. Il legno, in essenza naturale, preferibilmente tra quelle di uso prevalente dell’azienda, o laccato, potrà essere abbinato a metalli, specchi, cristalli, pelle, cuoio o tessuti. I progetti dovranno, inoltre, tener conto della rispondenza alla funzionalità specifica, della normativa vigente in materia di sicurezza, del rispetto dei requisiti ergonomici, di quelli ambientali e di progettazione sostenibile.

A giudicare e selezionare i progetti vincitori, una giuria formata da noti esperti del settore: nella valutazione degli elaborati pervenuti, verrà tenuto conto della loro originalità, del grado di innovazione e ricerca di nuove soluzioni progettuali riferite alla lavorazione tipica del legno massello, della sperimentazione sui materiali e le finiture superficiali, della capacità dei progetti, infine, di definire e anticipare scenari d’uso e concept innovativi nell’utilizzo del mobile in legno e del complemento d’arredo contemporaneo, con particolare riguardo alle determinazioni tipologiche, tecnologiche e morfologiche. La Giuria sceglierà tre vincitori per ciascuna delle due categorie Studenti e Professionisti in gara, che verranno premiati durante un evento dedicato. Il montepremi complessivo è di 10.000 euro e verrà equamente ripartito.

I progetti vincitori del concorso potranno, inoltre, essere realizzati ed eventualmente prodotti da Porada in una fase successiva.

Courtesy Photo

PRIMO PREMIO PROFESSIONISTI PER PHILIPPE SCHAAKE (GERMANIA): BALCONY È UN MOBILE PER HI-FI, TV E PRODOTTI MULTIMEDIALI CHE INTENDE PREFIGURARE SCENARI D’USO USER FRIENDLY. CARATTERISTICA DEL PROGETTO, INFATTI, È L’”AREA BALCONY”: UN’APPOSITA ZONA SITUATA SUL LATO ANTERIORE DEL MOBILE CHE FORNISCE ALL’UTENTE LA POSSIBILITÀ DI RIPORRE TELECOMANDI O CELLULARI SENZA DOVERE APRIRE LE ANTE

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

PRIMO PREMIO STUDENTI PER LUCA NODARI (ITALIA): ORBITA È UNA MEDIA UNIT COSTITUITA DA QUATTRO ELEMENTI PRINCIPALI: UNA BASE, DUE STRUTTURE ROTANTI E UN TUBOLARE CHE FUNGE DA PERNO. DEVE IL SUO NOME ALLA PARTICOLARE STRUTTURA, ORBITALE APPUNTO, CHE PERMETTE AGLI ELEMENTI CHE LA COSTITUISCONO DI RUOTARE ATTORNO AL PERNO, OTTENENDO CONFORMAZIONI SEMPRE DIVERSE DELL’OGGETTO, CHE RISULTA VISIVAMENTE PIACEVOLE SIA SE COLLOCATO A RIDOSSO DI UNA PARETE CHE POSIZIONATO AL CENTRO DI UNA STANZA

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

SECONDO PREMIO PROFESSIONISTI PER LIBERO RUTILO (ITALIA): TRONCO È UN MOBILE TV CHE INTENDE RICHIAMARE CON LE SUE FORME LE LINEE DEI FUSTI MASSICCI DEL BOSCO: UN CONTENITORE ISPIRATO ALLA NATURA CHE PUÒ ACCOGLIERE AL SUO INTERNO LE PIÙ RECENTI TECNOLOGIE. IL MOBILE È COMPOSTO DI UNA STRUTTURA INTERNA (SCHELETRO) SUL QUALE SONO FISSATI DEI LISTELLI DI FRASSINO TINTO (LEGNO DI FASCIATURA)

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

SECONDO PREMIO STUDENTI PER FRANCESCO ORSINI (ITALIA): BEAT È UN MOBILE TV SOSPESO, COMPOSTO DA DIVERSI MODULI A SEZIONE QUADRATA, ISPIRATO ALL’OMONIMO GENERE MUSICALE. L’INTERO PROGETTO, INFATTI, ATTRIBUISCE MOLTA IMPORTANZA ALLE SUGGESTIONI LEGATE AL SUONO: LE SUPERFICI CHE COMPONGONO IL MOBILE SONO ISPIRATE A QUELLE DELLE PARETI FONOASSORBENTI E, ACCOSTANDO L’UNO CON L’ALTRO I VARI MODULI DISPONIBILI, EMERGONO LINEE CHE RICORDANO GLI IMPIANTI STEREO DIFFUSI NEGLI ANNI ’60

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

TERZO PREMIO PROFESSIONISTI PER IVANA CVETKOVI LAKOS (CROAZIA): EQUILIBRIO È UN’UNITÀ MULTIMEDIALE AUTOPORTANTE, COSTITUITA DA GAMBE ROBUSTE E UN PANNELLO OVALE IN LEGNO MASSICCIO, CHE TRAE ISPIRAZIONE DAI VECCHI TELEVISORI, CHE VENIVANO COLLOCATI IN ENORMI MOBILI IN LEGNO E COSTITUIVANO IL PUNTO CENTRALE DEL SALOTTO, REALIZZANDONE UN’INTERPRETAZIONE CONTEMPORANEA E MINIMALISTA

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Courtesy Photo

TERZO PREMIO STUDENTI PER CRISTINA MUTO (ITALIA): IDOLO SI ERGE AL CENTRO DELLA SALA COME UN TOTEM: LA BASE CAVA IN LEGNO, CHE FUNGE ANCHE DA SPAZIO CONTENITORE, RENDE IDOLO UN MOBILE AUTOPORTANTE, UNA SCULTURA CHE SI ISOLA DAL RESTO DELL’ARREDAMENTO DANDO IMPORTANZA AL TELEVISORE, UN OGGETTO SEMPRE PIÙ PRESENTE NELLA NOSTRA VITA QUOTIDIANA

Altri da Porada
Entriamo in una casa privata a Budapest
Porada International Award 2018

Creating an elegant corner bar at home

Light on wood: le lampade in legno

Il sogno di ogni donna: una toeletta per il trucco
11 idee per arredare l'ingresso


Spazio alla solitudine: scrivanie e scrittoi
We Are Porada

La nuova firma di Porada

Eleganza & made in Italy

別れさせ屋 長野

банк фотографий