ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

News

di Redazione Elledecor.it

Il diario quotidiano di Elledecor.it tenuto dalla redazione. Per scoprire anteprime, protagonisti e tendenze del mondo del design, del progetto e degli interni. Un appuntamento fisso per essere aggiornati sulle ultime novità in fatto di arredi e interior design, un'occasione unica per fotografare in tempo reale quanto succede intorno alla parola casa e alle sue nuove declinazioni.

13 Febbraio 2018

I ritratti ufficiali degli Obama, tra pittura e politica, impegno e glamour

La coppia presidenziale più cool di sempre trasforma una cerimonia obsoleta in un evento evento storico, sociale e glam

obama-ritratti-ufficiali
Getty Images

Barack e Michelle, il presidente più cool e la first lady più first di sempre hanno svelato i loro ritratti ufficiali alla National Portrait Gallery della Smithsonian Institution.

Un evento che di solito passa quasi inosservato sia nel mondo della politica sia nel mondo dell’arte: le recenti aggiunte alla collezione dei Presidenti Americani – creata da un Atto del Congresso nel 1962 e aperta al pubblico nel 1968 – sono state così poco chiare che la tradizione di installare un nuovo ritratto dopo la fine del mandato presidenziale è ormai poco più che una cerimonia di routine.

Ma questa volta è andata diversamente: non solo gli Obama sono la prima coppia presidenziale afroamericana a entrare nella collezione (solo lui per la verità, il ritratto di Michelle sarà esposto in un corridoio riservato a mostre temporanee di nuove acquisizioni al primo piano), ma  anche i pittori che hanno scelto sono afro-americani che nel loro lavoro affrontano temi politi, ci.

L'ex presidente degli Stati Uniti ha scelto come ritrattista ufficiale Kehinde Wiley, un pittore uscito dalla Yale University noto per dipingere persone di colore nello stile degli antichi maestri con pose eroiche contro sfondi luminosi o naturalistici.

Wiley – il primo artista afroamericano scelto per il ritratto ufficiale di un presidente – sovverte i canoni della ritrattistica posizionando persone di colore, in particolare uomini, sullo sfondo dei simboli tradizionali di glorificazione e regalità.

"Quello che mi ha sempre colpito dei suoi ritratti è stato il modo in cui sfidano le nostre idee di potere e privilegio", ha detto Obama  .

Getty Images

Anche l'ex First Lady Michelle ha scelto un'artista afroamericana il cui lavoro ha un forte tono sociale, la pittrice di Baltimora Amy Sherald, il cui stile si concentra meno sul realismo e più sulla costruzione simbolica - dipingendo la pelle con una scala di grigi, un colore con ambigue associazioni razziali - e riducendo i corpi a forme geometriche che si stagliano contro i campi monocromi. Michelle si è detta onorata dall’opera e ha parlato di cosa significherà per una ragazza di colore: “Vedrà l'immagine di qualcuno che le somiglia alle pareti di questa grande istituzione americana, e so che impatto avrà, perché io ero una di queste ragazze”.

I ritratti ufficiali di Michelle e Barack Obama saranno in mostra al pubblico del museo da martedì 13  febbraio 2018.

Getty Images


di Carla Amarillis / 13 Febbraio 2018

CORNER

irefuse collection

[Architettura]

Milano Arch Week 2018

Tutti gli eventi più interessanti del festival d'architettura

architettura, milano, milano arch week 2018

[Design]

Il peso della Corona

Viaggio tra le corone della regina Elisabetta II

Lifestyle

[Architettura]

Tutte le case della Regina

Elisabetta II ha una casa per ogni occasione... o quasi

costume

[Architettura]

Concerti per architetti

In giro per l'Europa alla scoperta di allestimenti scenografici

Travel

[Architettura]

L'hotel di Foster a Hong Kong

Una nuova idea di grand hotel in un palazzo modernista

Travel

[Case]

Angolo lettura con oblò

Gli interni di una casa di Roma firmati da Studio Strato

Restyling

[Architettura]

La nuova Royal Academy of Arts

Completato il grande progetto di restyling di David Chipperfield

Edifici Pubblici

[Speciale New York]

Gucci a New York

La casa di moda apre un nuovo spazio al 63 di Wooster Street

Travel

[People]

La carriera stellare di Lee Broom

Incontro con il designer inglese, tra Milano e New York

Interviste

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |