ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

News

di Redazione Elledecor.it

Il diario quotidiano di Elledecor.it tenuto dalla redazione. Per scoprire anteprime, protagonisti e tendenze del mondo del design, del progetto e degli interni. Un appuntamento fisso per essere aggiornati sulle ultime novità in fatto di arredi e interior design, un'occasione unica per fotografare in tempo reale quanto succede intorno alla parola casa e alle sue nuove declinazioni.

12 Febbraio 2018

Il sistema per seguire la Tesla Roadster nel suo viaggio spaziale

Poco dopo il lancio, la Nasa ha annoverato l'auto di Elon Musk tra gli oggetti celesti, e un sistema permette di seguirne il percorso nello spazio

elon-musk-space-x-tesla-roadster-oggetto-celeste
SpaceX

Pochi giorni dopo che la compagnia spaziale di Elon Musk SpaceX ha lanciato in orbita la sua Tesla Roadster rosso fiammante, la Nasa ha aggiunto l'auto elettrica di lusso a una lista di oggetti celesti creati dall'uomo la cui posizione può essere rintracciata nello spazio.

Il giornalista-meteorologo Eric Holtaus ha pubblicato sul suo profilo Twitter una in cui spiega come sul sistema realizzato dal Jet Propulsion Lab, sia possibile cercare “SpaceX Roadster” in un database di "corpi del sistema solare”.

Nella voce ufficiale la NASA descrive l'auto come “un'automobile standard Tesla Roadster e un manichino vestito con una tuta spaziale soprannominato Starman” e regali dettagli curiosi: sul cruscotto dell’auto è posato un modello di Hot Wheels Roadster con all'interno un mini-Starman; un dispositivo di archiviazione all'interno dell'auto contiene una copia del romanzo Foundation di Isaac Asimov; una placca posta tra il Falcon Heavy e la Tesla è incisa con i nomi di oltre 6.000 impiegati di SpaceX.

A cosa serve questo sistema Horizon? A tracciare il movimento degli oggetti celesti. Al momento il suo database include 381.106 asteroidi, 2.435 comete, 168 satelliti planetari, 9 pianeti e il Sole, oltre a diverse astronavi. 

Come altri corpi celesti, la Roadster rimarrà in cielo, alzandosi e tramontando ogni giorno, allontanandosi e accelerando nello spazio. Per dirigersi verso Marte, nella cui orbita dovrebbe arrivare ad ottobre 2020; poi passerà di nuovo dalla Terra nel 2026, nel 2031 e nel 2039.

Foto: SpaceX


di Carla Amarillis / 12 Febbraio 2018

CORNER

irefuse collection

[Architettura]

Concerti per architetti

In giro per l'Europa alla scoperta di allestimenti scenografici

Travel

[Architettura]

L'hotel di Foster a Hong Kong

Una nuova idea di grand hotel in un palazzo modernista

Travel

[Case]

Angolo lettura con oblò

Gli interni di una casa di Roma firmati da Studio Strato

Restyling

[Speciale New York]

Gucci a New York

La casa di moda apre un nuovo spazio al 63 di Wooster Street

Travel

[People]

La carriera stellare di Lee Broom

Incontro con il designer inglese, tra Milano e New York

Interviste

[Speciale New York]

La casa di Sottsass

Una 27enne allestiste la sua casa dei sogni per NYCXDesign 2018

New York Design Week 2018

[Interior Decoration]

Da terminal ad hotel

Il TWA Flight Center di Eero Saarinen da oggi è un albergo

Travel

[Architettura]

Storia e significato dell’Afrofuturismo

Dopo Black Panther è la nuova parola d’ordine, dalla musica all’architettura

Costume

[Design]

La prima volta di Borsani

Norman Foster cura la prima mostra in Triennale dedicata a Osvaldo Borsani

Travel

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |