Best of Italy, bicchieri e caraffe all'altezza del Guggenheim

Coincasa presenta tre collezioni di brocche e bicchieri di giovani creativi italiani, tra antico artigianato e design contemporaneo

image
Courtesy Photo

Arriva il primo appuntamento di Best of Italy, il viaggio attraverso l’Italia e il suo migliore artigianato, frutto della collaborazione tra il marchio di home decoration Coincasa ed irefuse Italia. La prima tappa è Murano, e non poteva essere altrimenti viste le origini lagunari dell’azienda. È da qui che nascono tre collezioni di bicchieri e brocche per la tavola in vetro di Murano, che fanno a gara tra chi impreziosisce di più la mise en place. A idearle, alcuni giovani e promettenti designer italiani. Tre collezioni contemporanee che coniugano lavorazione a mano e accessibilità dei prezzi. Ma guardiamole da vicino.

Compay (foto in apertura) è una linea composta da una caraffa, un bicchiere per acqua e un flûte. È proposta dallo studio di Giorgia Zanellato e Daniele Bortotto, che per realizzarla hanno fatto ricorso a un’antica tecnica muranese, l’incalmo, che permette di unire pezzi diversi dopo che il vetro è stato riscaldato: è così che la brocca riesce a fondere insieme i colori dei bicchieri. Una collezione dalle linee moderne ma ottenuta con antichissima maestria artigianale, selezionata persino dallo shop del museo Peggy Guggenheim dove è ora in vendita. A guardarla, torna alla mente un certo Giorgio Morandi.

image
Courtesy Photo

A sinistra, Gondolo's di Matteo Cibic: gruppo di bicchieri e brocca ispirati ai canoni femminili del ‘700 veneziano “in cui i prodotti vestono abiti marmorizzati parzialmente trasparenti”.

In alto a destra, invece, il servizio di bicchiere e caraffa dal nome “Ola”, proposta dallo studio Lanzavecchia + Wai. La caraffa può essere anche utilizzata come vaso. La collezione è frutto di altre due antiche lavorazioni muranesi: il Ballotton e il Rigadin. La prima serve a ottenere un particolare effetto ottico, grazie a uno speciale stampo in metallo che, nella soffiatura, dà un rilievo incrociato. Nel risultato finale, una miriade di piccolissime bolle d’aria rimangono intrappolate nel vetro. Il Rigadin, invece, è l’effetto decorativo che si ottiene usando uno stampo di bronzo che porta la “pèa” (la pera, l’embrione del prodotto finito) a scanalarsi. È grazie a queste tecniche che il vetro evoca qui la fluidità delle onde marine, o le superfici naturali della frutta o delle piante.

Le collezioni (in vendita in molte città italiane e sulla e-boutique di Coincasa) sono state realizzate nella Fornace Mian di Murano, che porta avanti una tradizione millenaria e che è nata nel 1962, stesso anno da quando, coincidenza vuole, Coincasa si dedica all'home decoration.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Design
medicaments-24.net

http://np.com.ua

https://citroen.niko.ua