Oggetti per la casa, a Londra li vogliono emozionali

E se gli oggetti di design fossero diventati il mezzo per emozionarsi? Ecco 5 idee perfette

image
Courtesy photo

Dialogando con talenti design contemporaneo durante i giorni del London Design Festival, siano essi emergenti o più conosciuti, e osservandone i progetti in lancio, abbiamo osservato l'irrompere di una sempre più decisa tendenza nel creare, attraverso la produzione di oggetti per la casa, un'esperienza per il pubblico che ne usufruisce.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come se gli oggetti di design fossero diventati il mezzo per realizzare il desiderio di emozionare, di risolvere la vita, di migliorare la quotidianità di ognuno di noi. E così abbiamo compreso che, nel mondo della produzione delle cose per la casa, non si parla più di mero studio della forma di un prodotto, bensì di uno studio di comportamenti sociali e culturali legati ad esso.

A dimostrazione di questa teoria, abbiamo trovato cinque complementi d'arredo moderni che spiegano cos'è quello che chiamiamo design emozionale.

Benjamin Hubert e gli accessori che semplificano le tecnologie

La collaborazione tra il designer britannico Benjamin Hubert (che lo scorso anno la sua agenzia di product design, Layer) e l’imprenditore Asad Hamir ha dato vita a Nolii, l'innovativo brand di accessori per la casa elettronici di ultima generazione. E quale migliore location se non la Somerset House, che nei giorni di festival ha lanciato la mostra Design Frontiers, dedicata a tutti i talenti in grado di spingere le barriere del design oltre l'immaginario?

Così, è nata una collezione di oggetti per la casa che hanno lo scopo di risolvere i problemi tecnologici legati all’utilizzo di cavi, dalla lunga durata, efficienti, funzionali ed adattabili. Praticamente un sogno. Ad ogni pezzo è stato assegnato un nome (Couple, Bundle, Keep, Set e Stack) e ognuno risponde a un'esigenza differente per gli utilizzatori: Bundle, per esempio, è un cavo resistente all’usura comodo per il riavvolgimento e adatto per trasferire in maniera semplice i dati da un dispositivo all’altro. Keep, invece fornisce una carica extra al telefonio, e ne consente il monitoraggio in caso di smarrimento.

Di Benjamin Hubert abbiamo già sentito parecchio parlare. Ha fondato lo scorso anno la sua agenzia di product design, Layer, e collabora con grandi marchi come Nike, Samsung, Braun, BMW.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito


image
Courtesy photo

Il collettivo Assemble e la sua collezione di piatti unici per aiutare una comunità di Liverpool

Cosa succede se 18 artisti e designer si uniscono per mettere a punto un nuovo metodo per la produzione di oggetti per la tavola assemblando diversi tipi di ceramica colorata lavorando con un gruppo di abitanti di un quartiere abbandonato di Liverpool? Nasce la collezione Splatware, composta da una serie di pezzi unici bellissimi, tutti fatti a mano, grazie alle stampe in gesso e gli impasti di ceramica. I piatti sono realizzati mediante un processo definito “squishing”, che premette di creare milioni di differenti risultati che rendono impossibile la replica. “L'unico limite del progetto”, spiega lo studio, “è quantitativo. Stiamo cercando nuovi metodi per ampliarne la produzione”.

Il progetto, che prende il nome di Granby Workshop, è nato per coinvolgere i membri dalla comunità locale del quartiere di Granby, a Liverpool, abbandonato per decenni e ora in fase di riqualificazione. Il collettivo Assemble, ha coinvolto nel progetto decine di abitanti del luogo, che hanno prodotto gli oggetti di design utilizzando materiali locali, molti dei quali raccolti dalle case a schiera vittoriane disabitate del quartiere.


Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
image
Courtesy photo

Jiyoun Kim e la sua lampada del buon umore

Il designer coreano Jiyoun Kim ha voluto dare una sua personale interpretazione al tradizionale detto “being struck by a thunder out of blue sky” (in italiano: “un fulmine a ciel sereno”). La sua creazione, che ha chiamato Lightning Lamp, rappresenta il cambio di prospettiva che avviene nella mente dell'essere umano dopo aver affrontato un ostacolo. Realizzata in acciaio inossidabile, con un collo forma di saetta stilizzata, questa lampada da tavolo presenta un originale paralume a forma di nuvola prodotto in vetro trattato. La creazione, disponibile in quattro colori diversi, esprime i momenti della giornata: mattina, mezzogiorno, pomeriggio, sera, ed è stata presentata durante London Design Fair.
Dal suo studio di Seoul Jiyoun Kim lavora nel campo del product design e dell'illuminazione dal 2010, e di recente ha vinto svariati premi, tra cui il Top Asia Award, vinto doppiamente quest'anno, per due suoi progetti innovativi e originali.


image
Courtesy photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Michael Verheyden e la lampada che ricrea l'alba per CTO Lighting

La società di illuminazione britannica CTO Lighting, fondata nel 1998 da Chris e Clare Turner, ha invitato il designer Michael Verheyden a creare una collezione di lampade in ottone chiamate Heron. Cos'hanno di speciale? Sono eleganti, contemporanee, ma soprattutto ricreano l'atmosfera dell'alba. La lampada, è stata presentata all'interno di una mostra tenutasi presso lo showroom di CTO Lighting, al civico 9 Cloudesley Road, nel quartiere di Islington.
Verheyden, designer belga conosciuto a livello internazionale per la sua abilità di trasformare anche il più semplice degli oggetti per la casa in un accessorio di lusso, ha collaborato negli ultimi anni anche con lo stilista con Rick Owens per la realizzazione di una linea di borse.

image
Courtesy photo

Tord Boontje e i lampadari Swarovski che replicano i riflessi della luce del sole sul mare
Si chiama Luminous Reflections la nuova collezione che vede protagonisti tre lampadari dall'effetto spettacolare che prendono il nome delle loro forme Arc, Swirl, Circle (arco, turbine, cerchio).
Tutti e tre rigorosamente in cristallo, presentano superfici fluide e altamente innovative, unite al taglio di precisione che rende celebre la maison austriaca. “Volevo dare una nuova interpretazione al cristallo”, spiega Boonjie, e ho progettato le superfici in maniera del tutto speciale, al fine di produrre effetti di luce morbida e organica, replicando i riflessi della luce del sole sull'acqua.

Il progetto, presentato durante la mostra Design Frontiers tra le mura della Somerset House, fa parte dell'iniziativa Swarovski Crystal Palace, lanciata nel 2002 come piattaforma sperimentale per consentire ai progettisti di esplorare i confini del design dell'illuminazione attraverso il cristallo tagliato. Il progetto, si è rapidamente trasformato in un affascinante viaggio di scoperta e un incubatore per nuove idee, e vanta oggi collaborazioni con più di 60 designer tra cui Zaha Hadid, Yves Behar, Tom Dixon, Ross Lovegrove, Arik Levy, Tokujin Yoshioka, Ron Arad e Gaetano Pesce.


image
Foto: Ed Reeve

In apertura: LA LAMPADA DA TAVOLO HERON DISEGNATA DA MICHAEL VERHEYDEN PER CTO LIGHTING RICREA L'EFFETTO DELL'ALBA. E' UNO DEI PEZZI DI DESIGN EMOZIONALE PRESENTATI DURANTE LONDON DESIGN FESTIVAL.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
https://alfaakb.com

baden-medservice.com/lechenie-gastrojenterologii-v-germanii/lechenie-jazvennogo-kolita-v-germanii/

Keurig Coffee Makers