Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo

Landmark Projects, anche quest'anno Londra ci stupisce con le installazioni

Camille Walala e Sam Jacob Studio sono i protagonisti di due grandi progetti che hanno lo scopo di divertire e sorprendere il pubblico.

Courtesy photo

Che i Landmark Projects siano tra i principali protagonisti del London Design Festival sin dalla prima edizione è fuori dubbio. Sarà per la spettacolarità delle installazioni che ogni anno vengono commissionate agli artisti più in voga e di talento, sarà per le tematiche affrontate e la capacità, dei progetti stessi, di originare nuove discussioni e crearsi attorno nuovi spunti di riflessione, ma anche quest'anno durante la kermesse londinese ci sarà pane per i denti dei design lovers.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Come? Attraverso due iniziative le cui parole d'ordine saranno divertimento ed esperienza.

La prima è Villa Walala, che prende il nome dall'artista anglofrancese Camille Walala, tra i nomi più in voga del momento nel mondo del graphic design.

Camille, che è famosa in città per aver realizzato coloratissimi murales, dipinto scuole o case di privati, soprattutto nella zona di Hackney, così come per aver realizzato le grafiche di pop up store e bar di quartiere, questa volta ha costruito un villaggio esuberante ricreando un paesaggio architettonico inaspettato nel cuore di Broadgate. Con vinile, innesti in PVC sigillato e nylon ad alta resistenza alla mano, ha creato un castello a blocchi dalla struttura morbida, rivestito e colorato con motivi stampati in digitale. Una serie di gonfiabili dalle forme più svariate saranno a disposizione dei visitatori, che giocheranno con l'ambiente creando situazioni sempre nuove che lo renderanno mutevole nel tempo. L'obiettivo? Migliorare la funzione ricreativa della zona e creare un forte contrasto con il grigio della città e i colori dell'installazione.

Courtesy photo
Pubblicità - Continua a leggere di seguito

Poi c'è Mini Living Urban Cabin, installazione commissionata dalla casa automobilistica a Sam Jacob Studio e che andrà in scena nella corte che si trova di fronte alla Oxo Tower.
Parte del progetto di ricerca a lungo termine di MINI che esplora il futuro degli habitat urbani basati sull'uso creativo dello spazio attraverso un design innovativo, quest'anno vede protagoniste una micro casa, formata da una serie di cabine modulari come luoghi di incontro per le persone che passano di lì.
"In un mondo sempre più generico urbanizzato, possiamo usare il design per trasformare gli spazi in luoghi utili e significativi per la città" spiega Oke Hauser, direttore creativo di MINI LIVING che avevamo incontrato già lo scorso anno per parlare dell'installazione commissionata al designer Asif Khan.

Esternamente, la mini casa si ispira alle facciate geometriche di Londra, mentre l'interno è concepito come uno spazio flessibile che omaggia l'eccentricità e la creatività che contraddistingue la città da tutto il resto del mondo.
La superficie speculare crea un gioco di riflessi con l'ambiente circostante, creando un effetto di fusione tra presente e passato.
"Sono sempre stato interessato alle combinazioni, alle giunzioni e alle fusioni, e a capire in che modo i progetti possano attingere a diversi riferimenti e creare cose nuove”, spiega Sam Jacob.

Courtesy photo
Courtesy photo

Per info:

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
www.gepatite.com/sofosbuvir-400-mg