ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Total white e ottone per gli interni del nuovo Caffé Senato a Milano

Apre a Milano l'elegante bistrot aperto 24 su 24 che completa l'offerta dell'hotel Senato

 Il 14/9, durante l’inaugurazione, sono state le note soul create su misura dalla dj australiana Kitten Jam ad accompagnare la festa all’Hotel Senato di Milano, dove ha aperto al pubblico il Caffè Senato.

L’ispirazione è quella classica italiana, dove si coltiva il rito dell’espresso in tutte le sue declinazioni. Si può mangiare o bere a qualsiasi ora del giorno e della notte, degustando menu compilati ad hoc su eccellenze e provenienze a km 0 (o quasi).

A firmare la ricerca dei prodotti, filosoficamente fedeli al ‘less is more’, e a elaborarli in personali combinazioni gourmand è la food curator Maddalena Fossati Dondero. Prima di esplorare la carta dei vini, frutto della passione dei fondatori dell’enoteca Bicerìn Milano, prima di perdersi tra i vapori dei cocktail di Andrea Sansò (appositamente strappato alla sua postazione di Miami) o nell’effervescenza delle bollicine del primo Franciacorta Bar, ci si può prendere una pausa. E assaporare, questa volta con gli occhi, l’eleganza del progetto di interni.

Brillano come gioielli, sullo sfondo di pareti e pavimenti total white, il bancone di ottone — dove ogni giorno torte e brioche freschissime contendono il posto alle creazioni vegetali della fiorista-cantante Rosalba Piccinni — le lampade di vetro e metallo dorato a grappolo, i tavolini in marmo e quelli dal piano laccato celeste. Un ambiente fresco e rilassante, firmato dall’architetto Alessandro Bianchi con la complicità del laboratorio Bottega Gadda, altra eccellenza meneghina nella lavorazione dei metalli, che ha realizzato gli arredi su misura.

Lo stesso binomio che ha lavorato alla trasformazione del palazzo primi ’900, residenza dei Ranza, nell’hotel che la famiglia di imprenditori ha voluto creare all’insegna del design bespoke. E di un’autentica ospitalità milanese.

SCOPRI ANCHE:
Apre a Milano il primo Moleskine Café
 Il Room Mate Hotel Giulia di Patricia Urquiola


di Flavia Giorgi / 16 Settembre 2016

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Hollywood nella vita vera

Le location dei film più amati di sempre

Costume

[Interior Decoration]

Cracco in Galleria

Il nuovo tempio gourmet in Galleria Vittorio Emanuele

Travel

[Interior Decoration]

Cucina mozzafiato

Il ristorante Palace a Helsinki riapre dopo il restauro

Travel

[Interior Decoration]

Europa arrivo!

Una selezione degli hotel più particolari da provare nel 2018

Travel

[Interior Decoration]

Casa Matilda a Milano

Un nuovo ristorante italiano ha aperto sui Navigli

Travel

[Interior Decoration]

La moda ai fornelli

A Milano gli stilisti vestono la tavola e portano lo stile al ristorante

Travel

[Interior Decoration]

Chalet azzurro PyeongChang

Casa Italia porta la prospettiva alle Olimpiadi invernali

Costume

[Interior Decoration]

I 10 colori dell'autunno 2018

I colori che ci aspettano, tra moda e interior design

Costume

[Interior Decoration]

La Cina è vicina

Tradizione locale e design moderno per l’hotel di Lissoni a Shanghai

Travel

more information

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | | | Comunicato tariffe politiche elettorali