ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

L'ultima idea da Beverly Hills? Il ristorante senza tavoli, dove si cena con lo chef

Nascosto all'interno del Bazaar dell'hotel SLS Somni è il nuovo indirizzo culinario di Los Angeles, un mini ristorante che vuole risvegliare tutti i sensi

somni-ristorante-los-angeles-beverly-hills

Il ristorante Somni si trova all'interno del Bazaar dell'hotel SLS di Beverly Hills, a Los Angeles

Le più grandi ambizioni il più delle volte non si possono misurare fisicamente, e il nuovo ristorante Somni di Los Angeles ne è la prova.

Trasformato da piccolo spazio di degustazione nascosto nel Bazaar dell'hotel SLS di Beverly Hills, è un nuovo progetto del ThinkFoodGroup di José Andres, diretto dal suo direttore culinario, Aitor Zabala. Somni, che si traduce "sogno" in catalano, presenta un bancone da 10 posti ricavato da un'unica lastra di quercia all'interno di una cucina aperta, pensata per rimuovere ogni barriera tra i commensali e gli chef.

L'allestimento del ristorante più piccolo di Beverly Hills incoraggia infatti la conversazione mentre vengono preparate per gli ospiti le straordinarie 20 portate (da abbinare a qualche cocktail), presentate su piatti personalizzati per Somni da artigiani tra Los Angeles e la Spagna.

Ogni fase del progetto, dallo sviluppo del concept e del design all'assemblaggio della squadra giusta e alla creazione del menu, è stata un'esperienza fondamentale per dare vita a un ristorante unico nel suo genere, supportato da talenti della cucina e del design.

Gli interini del ristorante sono stati concepiti dalla designer Juli Capella, che ha optato per uno spazio senza angoli in modo che il pavimento, il soffitto e le pareti potessero avvolgere i commensali in un unico nastro di quercia e marmo bianco.

Il tavolo da pranzo a ferro di cavallo richiama l'attenzione sulla cucina espositiva e sulla grande cupola dorata, che illumina ogni piatto. Un'esperienza culinaria che solletica il palato e coinvolge ogni altro senso, fortemente influenzata dalla Catalogna ma con un forte richiamo internazionale, dalla versione contemporanea della tradizionale aragosta spagnola allo stufato di patate, il Suquet, servito in rustiche ciotole di terracotta realizzate su misura.



di Essia Sahli / 7 Maggio 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Da terminal ad hotel

Il TWA Flight Center di Eero Saarinen da oggi è un albergo

Travel

[Interior Decoration]

Una piadina a Lione

Masquespacio progetta 40 mq coloratissimi dedicati all'Italia

Travel

[Interior Decoration]

Belgrado cosmopolita

La rinascita della città passa per un hotel di design democratico

Travel

[Interior Decoration]

Colombiana a New York

Ispirazione finca per la seconda sede di Devocion a New York

Travel

[Interior Decoration]

Storia delle cementine

Cuore di sabbia e cemento e un'allure tra stile liberty e decò

Costume

[Interior Decoration]

I colori dell’estate in casa

11 colori con cui dipingere le pareti di casa. Subito

Costume

[Interior Decoration]

Cena in terrazza da Prada

A Milano, il nuovo ristorante nella Torre di Rem Koolhaas

Travel

[Interior Decoration]

Marni arriva a Firenze

Un negozio pop dal tocco industriale, dentro a un palazzo antico

Travel

[Interior Decoration]

Destinazione Grecia

Design hotel e resort: le nuove aperture da provare nel 2018

Travel

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |