ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

C'è anche un giardino tra i ristorantini di Bologna che proprio non puoi perdere

Bistrot e cocktail bar, vecchie case private e isole minimal di design contemporaneo: ecco le 4 nuove aperture più interessanti tra i ristoranti di Bologna

ristorantini-bologna-nuove-aperture-2018

Quanti ristorantini a Bologna conosci? Probabilmente diversi, visto che è una delle città d'Italia più famose in quanto a cucina e convivalità.

Ma il panorama dei ristoranti di Bologna è in continuo fermento, con nuove aperture da provare affrontando il senso di colpa per aver tradito quella vecchia trattoria che ci accoglie da anni. 

Abbiamo fatto una ricerca, e tra i tanti ristoranti, trattorie e osterie a Bologna, ne abbiamo scelti 4, tutti nuovi e decisamente particolari.

Leggi anche: I nuovi ristoranti di Roma in cui portare a cena un architetto

Bizarre
via Belvedere 4/A, +39 347 097 7547

Più che un ristorante, una cocktail boutique, come la definiscono i proprietari.

Un luogo per cultori dell’aperitivo, che possono gustare raffinate miscele al bancone e ai tavolini o anche riprendere a passeggiare con l’intruglio bacchico alla mano. Per questo sono pensati i simpatici cocktail alla spina.

Situato in via Belvedere, in pieno centro storico, Bizarre offre appunto un servizio che è a metà tra l’aperitivo nostrano e la cultura del bartending internazionale.

9 i segnature drinks creati da Enrico Scarzella. Solo 12 i posti a sedere, per un bar che ha già dell’esclusivo. Perché? Beh, per gli interni!

Il bancone del bar arriva da un caffè padovano, mentre i lampadari in vetro e ottone sono pezzi di modernariato anni ‘70 disegnati da Gaetano Sciolari. I colori pastello e gli sgabelli dipinti a mano, rendono l’atmosfera molto casereccia e gradevole. Insomma, da provare.

Foto: It's a Plate

Giardino
via Paolo Canali 8, +39 051 002 923

Da un ristorantino che si chiama Giardino, più o meno che vi aspettate? Un inno alla dieta mediterranea, patrimonio dell’Unesco dal 2010 e indicata come “il miglior modello nutrizionale al mondo” che fa largo uso di materie prime vegetali e, in misura minore, di proteine animali.

Unico ristorante vegetariano nella FICO Eataly World, Giardino offre anche ricette totalmente plant-based.

Il menù di questo ristorante a Bologna si compone di “vasetti” in vetro, per gustare prima con gli occhi e poi con il palato le proposte sfiziose e salutari che offre. Il verde è preponderante negli interni. Dal bancone in marmo e decorato con carta da parati, alle pareti in cui si stagliano le grandi piante, i tavoli in ferro e le sedie in vimini, in perfetto stile giardino mediterraneo (foto in apertura).

I Conoscenti
via Manzoni 6, +39 051 232071

I Conoscenti è un ristorantino che offre anche ottimi cocktail, e che prende il nome dal palazzo in cui è ospitato, che risale nientemeno che al 1300.

Un vero pezzo di storia dell’architettura dato che, oltre a Palazzo Pepoli Vecchio, è l’unico esempio di abitazione privata con portico ad archi ogivali, il cui piano superiore è impreziosito da bifore. Nonostante questo, gran parte degli interni è opera di artigiani pugliesi.

Le sedute e le poltrone sono originali degli anni ’50, restaurate e inserite in un contesto moderno, come dimostra il bancone, frutto della collaborazione tra gli studi Des e La prima stanza.

Foto: Valeria Moschet

Botanica Lab Cucina
via Battibecco 4/C,  +39 342 860 6026

Se per voi vegetariano non è abbastanza, dovete fare un salto a Botanica Lab Cucina. Ristorante vegano e crudista con interni, curati da Fiorenza Tarroni, che rispecchiano una cucina dagli ingredienti semplici ma molto studiata.

Un occhio attento al design, infatti, ha disseminato l’ambiente di tavolini in marmo Hermes e delle famose lampade a muro Marseille di Le Corbousier. Pochi colori riposanti su pareti grigie e pavimenti in legno. Una chicca.

Leggi anche: Il ristorante vegano crudista dove portare a cena un architetto carnivoro

Foto: Giacomo Maestri


di Stefano Annovazzi Lodi / 26 Aprile 2018

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Da terminal ad hotel

Il TWA Flight Center di Eero Saarinen da oggi è un albergo

Travel

[Interior Decoration]

Una piadina a Lione

Masquespacio progetta 40 mq coloratissimi dedicati all'Italia

Travel

[Interior Decoration]

Belgrado cosmopolita

La rinascita della città passa per un hotel di design democratico

Travel

[Interior Decoration]

Colombiana a New York

Ispirazione finca per la seconda sede di Devocion a New York

Travel

[Interior Decoration]

Storia delle cementine

Cuore di sabbia e cemento e un'allure tra stile liberty e decò

Costume

[Interior Decoration]

I colori dell’estate in casa

11 colori con cui dipingere le pareti di casa. Subito

Costume

[Interior Decoration]

Cena in terrazza da Prada

A Milano, il nuovo ristorante nella Torre di Rem Koolhaas

Travel

[Interior Decoration]

Marni arriva a Firenze

Un negozio pop dal tocco industriale, dentro a un palazzo antico

Travel

[Interior Decoration]

Destinazione Grecia

Design hotel e resort: le nuove aperture da provare nel 2018

Travel

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |