ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Il nuovo ristorante indiano di Londra per sentirsi a Bombay

Nel quartiere di Mayfair il nuovo ristorante firmato Fabled Studio è un omaggio alla cultura popolare indiana

ristorante-indiano-a-londra-bombay-bustle

Come ti porto un po’ di India a Londra? Con un ristorante indiano a Mayfair! Ispirato ai Dabbawalas, il Bombay Bustle di Fabled Studio porta cucina, tradizioni e architettura d’oriente nel cuore della capitale inglese. I dabbawalas sono infatti quella rete di trasportatori locali che riforniscono ogni giorno gli impiegati dei loro pranzetti. Un sistema che dal 1885 ha nutrito le fasce lavoratrici della città, a prezzi bassi, e con i sapori di casa. Una rete che si avvantaggiava largamente del trasporto pubblico, in particolare ferroviario, per raggiungere dalle campagne e dalle periferie tutti gli angoli della città.

In omaggio a questo sforzo, Bombay Bustle ha deciso dunque di ispirarsi da un lato alle vecchie carrozze del treno indiano, il primo costruito dagli inglesi nel periodo coloniale, dall’altro allo stile déco dei suoi teatri. La dining room al piano terra ospita un bar in peltro sopra un pavimento in terrazzo che rimanda alle carrozze della prima classe. I colori estrosi delle imbottiture di poltrone e divanetti verdi e lilla, che si scontrano con le pareti in gesso rosa, richiamano invece gli interni dei primi cinema. I tavoli sono poi numerati con i caratteri tipici dei Dabbawalas, forniti al ristorante direttamente dalla Nutan Mumbai Tiffin Box Suppliers Association.

Il seminterrato del ristorante indiano mima invece le resting room delle stazioni indiane. Schermi in vetro brillante e soffitto a pannelli in legno, con un dessert bar con posti a sedere. Alle pareti si susseguono poi opere d’arte di artisti indiani quali Nandan Purkayastha, famoso per le sue caricature, e Nilofer Suleman, che nei suoi quadri ricrea l’atmosfera febbrile di Bombay e delle sue strade.

Tom Strother, cofondatore e creative director di Fabled Studio, così spiega l’operazione: “La nostra idea per il design di Bombay Bustle è uno sguardo nostalgico, dai colori pastello, al passato di Bombay, in contrapposizione alla vivacità e al trambusto della Bombay moderna. Il design contrappone accuratamente pattern ben definiti ed elementi più eccentrici per riflettere il caos dei Dabbawalas. Ci siamo ispirati in particolare alla rete ferroviaria e alle cantine nascoste di Mumbay e Nuova Delhi”.


di Stefano Annovazzi Lodi / 29 Novembre 2017

CORNER

Interior Decoration collection

[Interior Decoration]

Caffè sì, tavoli no

Un coffee bar senza tavolini – ma con co-working – a Pechino

Uffici di design

[Interior Decoration]

Desideri in cucina

Casamenu, la piattaforma con tutti gli ingredienti della cucina

cucine di design

[Interior Decoration]

L'hotel nella fabbrica di ceramica

Antico e moderno per un'allure senza pari nel centro di Maastricht

Hotel di design

[Interior Decoration]

Quattro amici al bar

Fiori, design e cucina da scoprire dietro un portone milanese

Lifestyle

[Interior Decoration]

Barocco con Twist

Con Gwenael Nicolas nella nuova boutique Dolce&Gabbana

negozi di design

[Interior Decoration]

Il design arabo e l'Europa

Il nuovo ristorante Shababeek a Dubai, firmato Pallavi Dean

ristoranti di design

[Interior Decoration]

Lusso ad Hong Kong

Alla scoperta dei nuovi interni del The Fleming Hotel di Hong Kong

Hotel

[Interior Decoration]

Le camere delle Meraviglie

4 installazioni di cristallo firmate da 4 artisti per Swarovski

Installazioni

[Interior Decoration]

Una birra a Milano

Dwa reinterpreta il bar italiano degli anni '30 per Birrificio Italiano

lounge bar

©2017 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |