ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Visitare Reykjavik, 14 motivi per dirigersi verso Nord

Un tour nei luoghi cool della capitale scelti da Unnur Valdís, designer islandese doc con una grande passione per la cultura dell'acqua

View_night

Panorama notturno di Reykjavik.

Circondata da paesaggi incontaminati, Reykjavik non è solo il punto di partenza preferito per andare alla scoperta dell'isola lungo la Ring Road, ma un'interessante piattaforma sempre in divenire per l'architettura contemporanea, l'arte, il design e il lifestyle. L'artista danese-islandese Ólafur Elíasson, che ha collaborato con lo studio di architettura Henning Larsen Architects al progetto dell'Harpa Concert Hall, uno dei landmark della città, ha qui il suo studio; ogni primavera il festival Design March presenta il meglio della scena locale del progetto accanto a importanti nomi internazionali; lo stile di vita molto vicino alla natura, che contraddistingue il DNA dei suo abitanti, sta diventando un'aspirazione per chi vive difficili realtà metropolitane. Espressione perfetta di questo approccio olistico, la designer islandese Unnur Valdís, formatasi alla Iceland Academy of Art e alla Parson School of Design di New York, che ci accompagna a scoprire i suoi indirizzi segreti di Reykjavik, dove vive e lavora.

Una passeggiata da non mancare

Ægissíða, lungo il mare. Godetevi l'odore di alghe mentre camminate vicino alle vecchie capanne dei pescatori, immersi nello splendido scenario di questa zona residenziale, oggi molto ricercata. Nelle belle serate estive vi consiglio di raggiungere il Faro di Grótta per catturare l’istante in cui il sole di mezzanotte si tuffa nel mare. Un vero classico di Reykjavik.

il Faro di Grótta (Photo credit Ragnar Th. Sigurdsson, Visit Reykjavik)

Arte e architettura
Per chi è interessato all'architettura suggerisco un giro nell'area periferica di Reykjavik per scoprire le case costruite dagli architetti Högna Sigurðardóttir, la prima donna con uno studio di progettazione in Islanda, e Sigvaldi Thordarson, attivo nella seconda metà del Novecento i cui colori distintivi sono il giallo-senape e il grigio-verde. Per gli amanti dell'arte contemporanea, la galleria Berg Contemporary permette di conoscere le opere degli artisti islandesi del momento.

La galleria Berg Contemporary (Photo Courtesy Berg Contemporary and Vigfús Birgisson)

Dove alloggiare

A The Tower Suites, da cui dominare dall'alto la città, o al 101 Hotel, in una posizione fantastica, proprio nel cuore di Reykjavik. La lobby è il luogo ideale per un drink, circondati da una buona selezione di opere d’arte islandesi.

Per la prima colazione o un brunch speciale
Al Grái Kötturinn, specialmente se si sono fatte le ore piccole: da assaggiare il Trukkurinn, piatto di uova, pancetta e frittelle. L'interno rimanda a un caffè letterario, con tanti libri sulle pareti a disposizione dei clienti.

Il Grái Kötturinn

Se volete optare per una scelta molto healthy, andate per un brunch da The Coocoo’s Nest, un ristorante a conduzione familiare con piatti speciali (da tenere presente anche per una cena diversa). Interessante anche l'interior design, con boiserie e pannellature composte da legni di riciclo a intarsio.

The Coocoo’s Nest

Per pranzo
Snaps Bistro-Bar, un vero classico di Reykjavik, è molto frequentato dai locali. Buona cucina e un'atmosfera vivace e divertente.

Per cena
Matur og Drykkur è uno dei miei preferiti. Ricavato dentro i locali di una vecchia fabbrica di pesce nella zona del porto, un'area riqualificata e davvero piacevole, Matur og Drykkur ha mantenuto inalterata la struttura preesistente: alle pareti sono appese fotografie d’epoca, scattate proprio dentro la fabbrica per mantenere saldo il legame tra ieri e oggi. Passato e presente sono anche i tratti caratteristici della proposta gastronomica, definita da una cucina tradizionale leggermente rivisitata, sempre facendo attenzione a utilizzare ingredienti locali, stagionali e tipici. E si può sempre contare su piatti creativi.

Il ristorante Matur og Drykkur

Per una pausa piacevole
Un pic-nic nel giardino del museo dello scultore Einar Jónsson, un’architettura dei primi vent’anni del Novecento concepita dall’artista con l’architetto Einar Erlendsson. Non lontano dal famoso simbolo di Reykjavik, la chiesa di Hallgrimskirkja, ha un meraviglioso giardino popolato da sculture e aperto gratuitamente al pubblico.

Il Museon Einar Jónsson con il suo giardino di sculture aperto liberamente al pubblico

La chiesa di Hallgrimskirkja (Photo credit Ragnar Th. Sigurdsson, Visit Reykjavik)

Per un caffè, Mokka Kaffi, una delle più antiche caffetterie della città. Godetevi un grande interno retrò in compagnia dei personaggi bizzarri che frequentano abitualmente il locale.

Un po' di shopping
Per oggetti di design il nuovo negozio Akkùrat che presenta un mix di design islandese e nordico.

Per gli abiti raccomando una visita a Spaks, la più antica casa di moda islandese. Capi di qualità evergreen realizzati con lavorazioni etiche e sostenibili.

Il tuo angolo preferito della città

Mi piace rilassarmi in piscina, la mia preferita è la Vesturbæjarlaugin, a 5 minuti da casa. E’ diventata una parte molto importante della mia vita per la cura del corpo e anche dello spirito. Del resto a Reykjavik (e in Islanda) le piscine hanno un ruolo importante, sono un momento di socialità, si gode della compagnia degli altri, piacevolmente in ammollo nell’hot pot o nel bagno turco. Proprio per raggiungere il rilassamento totale in acqua ho disegnato Flothetta Cap, casco-cuffia galleggiante ispirato alla tradizione balneare così radicata in Islanda.

Flothetta Cap di Unnur Valdís: per galleggiare sull'acqua in totale rilassamento (©Photo Gunnar Svanberg)

Una vista spettacolare
Dalla Marshall House, aperta di recente, si può godere di una splendida vista, che abbraccia il porto e l’Harpa Concert Hall. L'edificio è un nuovo centro per l'arte visiva, dove risiedono Kling & Bang, The Living Art Museum e lo Studio Ólafur Elíasson.

L'Harpa Concert Hall (Photo credit Ragnar Th. Sigurdsson, Visit Reykjavik)

La designer Unnur Valdís (©Photo Sissi)

Unnur Valdís è una product designer, formatasi alla Iceland Academy of Art e alla Parson School of Design di New York, che vive e lavora a Reykjavik con un interesse particolare per l'Experience Design. La guida la passione di sperimentare nuove soluzioni legate alla vita di tutti i giorni. Tra le sue creazioni, espressione dell'eredità culturale islandese legata al mondo dell'acqua, Flothetta Cap, con un concept legato al benessere e a esperienze acquatiche e rilassanti. È co-fondatrice dello studio di design Leynivopnid di Reykjavik.

 


di Laura Maggi / 30 Luglio 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Il bello dell'artigianato

Dal Messico la tendenza di vendere solo prodotti local, pratici ma anche belli

accessori di design

[Design]

Cooking like a pro

La nuova scienza in cucina è mini, ma non rinuncia a niente

cucine di design

[Design]

Non è solo una sedia

Ray e Charles Eames el'invezione di un'icona del design del XX secolo

Oggetti di design

[Design]

L'armadio dei sogni

Classico o moderno? I nostri sei preferiti per la camera da letto

Arredi di design

[Design]

Cuba is...

120 immagini per scoprire un'isola che cambia

mostre

[Design]

Artissima & Co.

Annessi e connessi alla fiera di arte contemporanea più importante d'Italia

fiere

[Design]

Che ore sono?

Aspettando l'ora solare, un’occhiata all’orologio, meglio se di design

accessori di design

[Design]

Come nasce un orologio di lusso

Qualità, bellezza, longevità, ecco la ricetta di Sekford

orologi di design

[Design]

Tutto sugli Eames

Una grande retrospettiva al Vitra Design Museum

mostre

читать дальше

выгодно вложить деньги

подробно

©2017 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |