ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

La rivoluzione nelle sedie da ufficio firmata Barber&Osgerby

Il design entra in ufficio con la nuova sedia prodotta da Vitra, che mixa la bellezza degli anni '60 con l'ergonomia contemporanea

sedie-da-ufficio-vitra-barberosgerby

Edward Barber e Jay Osgerby con le nuove sedie per Vitra

Dopo centinaia di prototipi, infiniti controlli di qualità e tenuta, 4 anni di studio e lavoro, finalmente è pronta la nuova Pacific Chair disegnata da Edward Barber e Jay Osgerby per Vitra. Per la coppia di designer inglesi, che negli anni ha disegnato una vasta gamma di prodotti per le più grandi aziende internazionali - sedie, tavoli, divani, lampade e perfino la torcia olimpica delle Olimpiadi del 2012 - questo nuovo progetto è stato una grande sfida. Perché per la prima volta hanno disegnato una sedia da ufficio che, contrariamente a quanto si possa immaginare, è la tipologia di seduta più complessa in assoluto da progettare e realizzare. Deve infatti essere ergonomica, favorendo l'assunzione di una postura corretta della colonna vertebrale, delle gambe e delle braccia. Inoltre lo schienale deve seguire la linea a S della colonna, e il sedile si deve adattare alla forma del corpo. Il tutto favorendo il sostegno lombare di chi la usa, con la possibilità di regolare l'altezza e l'inclinazione dello schienale. Per rendere il tutto ancora più complicato, ci sono norme molto rigide e precise su come deve essere una sedia da ufficio, che cambiano a seconda che si tratti di paesi in Europa, Stati Uniti, Australia.

"Amiamo le sfide", racconta Edward Barber che abbiamo incontrato insieme a Jay Osgerby alla Fondazione Feltrinelli di Milano, "e l'idea di lavorare a un nuovo prodotto così complicato non poteva che trovarci entusiasti. Abbiamo cominciato il lavoro studiando tutte le sedie da ufficio che erano state realizzate fino a oggi. Quelle degli anni '60 e '70 erano molto eleganti nelle forme, ma poco pratiche per le esigenze di oggi. Quelle invece usate ora sono ergonomiche e più strutturate, ma sembrano tutte uguali, banali nei colori e ripetitive nelle forme. Partendo quindi da queste considerazioni abbiamo voluto creare un nuovo prodotto che riuscisse a essere bello come quelle del passato, e insieme pratico ed ergonomico come quelle di oggi". Risultato: la nuova Pacific Chair di Edward Barber e Jay Osgerby ha uno schienale molto esteso verso il basso, così da nascondere alla vista i componenti meccanici che consentono tutte quelle sofisticate funzioni necessarie per una seduta da ufficio ergonomica. Lo schienale e i braccioli regolabili in altezza sono parte integrante dello stesso profilo allineato verticalmente. E un meccanismo sincronizzato risponde automaticamente al peso dell'utilizzatore, offrendo un'immediata sensazione di comfort personalizzato. Ridotto al minimo l'impatto visivo di tali elementi, i designer hanno così potuto poi focalizzarsi sull'estetica del prodotto, scegliendo colori e materiali che lo rendono un nuovo complemento da ufficio, comodo da usare ma finalmente anche bello da vedere.

LEGGI ANCHE:
Le sedie ufficio per chi va al lavoro col sorriso, anche il lunedì


di Maria Chiara Antonini / 27 Novembre 2017

CORNER

Design collection

[Design]

Non è solo profumo

Fragranze che si ispirano all'architettura, al cibo e alla moda

design e wellness

[Design]

Il materasso a occhi chiusi

Una guida e sei proposte per trovare il materasso perfetto

letti di design

[Design]

Castiglioni in 3 icone

Alla scoperta di 3 pezzi di design leggendari del grande maestro

Oggetti di design

[Design]

Dentro le gallerie di Miami

Riassunto in 6 tappe di tutte le novità d'oltreoceano

fiere

[Design]

6 influencer a Miami

Il meglio di Design Miami 2017 secondo chi detta legge sui social

top ten

[Design]

Una sedia, tanti modi

A Milano un allestimento esplora le possibilità di un concept modulare

sedie di design

[Design]

Il textile design è sociale

Tre realtà europee che lavorano tra l'alta qualità e l'impegno sociale

textile design

[Design]

La bellezza in un vaso

Must have: i nuovi vasi Venini firmati da Peter Marino

accessori di design

[Design]

Il letto secondo Novembre

Una linea di 6 letti racconta il suo mondo tra eros e humor

letti di design

©2017 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |