ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Akiko Kurihara, o di quando i gioielli incontrano l'umorismo

Una perla finta in una collana, un anello che ne indossa un altro: sono le opere d'arte della designer giapponese di base a Milano

gioielli-akiko-kurihara-mosquito

Il design del gioiello è un tema molto serio: se la moda si prende spesso vezzi ironici, nel mondo dei gioielli l’umorismo è ancora un tabù. A sfatarlo ci pensano i gioielli di Akiko Kurihara, giovane designer di gioielli giapponese che ha scelto di lavorare a Milano. E, prima ancora, di laurearsi all’Accademia di Belle Arti di Monaco di Baviera (leggi anche → 10 talenti della design week del gioiello contemporaneo) con il maestro tedesco Otto Künzli, famoso per i “gioielli concettuali” con cui ha rivoluzionato l’arte orafa contemporanea.

“Scoperte casuali nella vita quotidiana e piccoli ritrovamenti nei fenomeni fisici che usiamo inconsapevolmente. Da tali scoperte creo gioielli, usando l’umorismo e l’intelletto in modo minimalista. Mi piace sfidare ad espandere le possibilità dei gioielli, anche se sono piccoli oggetti. E mi aspetto che l’umorismo che metto nel mio lavoro mi connetta alla persona che indossa un mio oggetto, così come a quella che la guardano”, scrive Akiko sul suo sito.

Ma l’insegnamento dell’artista tedesco non cancella le origini giapponesi, che si rivelano nei dettagli: quelli di Akiko Kurihara sono gioielli minimal e ironici che non rivelano il loro valore a prima vista e non sfoggiano né marchi vistosi né diamanti enormi. Sono opere d’arte da indossare che si rivolgono a un pubblico di collezionisti, tanto femminile quanto maschile, realizzate spesso in argento ma anche con altri metalli, scegliendo di volta in volta quello che meglio si adatta all’idea creativa iniziale e punteggiandolo di perle e gemme.

Per capire meglio di cosa intende con gioielli in stile minimal e umorismo sottile basta guardare All that glitters isn’t pearl either, rivisitazione della classica collana di perle Akoya, in cui un’unica perla è stata sostituita con evidente falso, oppure Alchemistich Stick, collana magica che mette in dubbio il nostro buon senso sfruttando un espediente chimico obbligandoci a porre maggior attenzione alle differenti letture di quello che abbiamo davanti: presta attenzione al colore della catena e guarda da vicino!

from on .

 

SCOPRI ANCHE:
Preziosi... di cemento!
Gioielli in ceramica, chi li può indossare e chi no!


di Carlotta Marelli / 4 Agosto 2017

CORNER

Design collection

[Design]

L'Ikea secondo Tom Dixon

Arriva Delaktig, la nuova piattaforma per l'arredo open source

arredi di design

[Design]

Il peso della Corona

Viaggio tra le corone della regina Elisabetta II

Lifestyle

[Design]

Un designer ci salverà

14 progetti raccontano come possiamo sconfiggere la plastica

Top ten

[Design]

Il design incontra Amatrice

Il design punta sul volontariato per promuovere il riscatto di Amatrice

interviste

[Design]

Fino all’osso

Tornano di moda gli intarsi preziosi, tra lusso e stile etnico

Lifestyle

[Design]

Prada secondo gli architetti

Sfila il nylon nero visto dai grandi dell'architettura e del design

Lifestyle

[Design]

Ice bucket per tutti

E quando non vi serve, potete sempre usarlo per i fiori

accessori di design

[Design]

La moda uomo in breve

Tutte le tendenze autunno inverno viste a Pitti Immagine Uomo

Lifestyle

[Design]

200 anni di Brooks Brothers

Breve storia del più antico brand americano di abbigliamento

Costume

продажа велосипедов

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |