Abbiamo aggiornato la nostra Informativa Privacy. Consulta il nuovo testo

Dalla vecchia Mini ai modelli futuristici, ecco il futuro delle auto elettriche

Automobili-living intelligenti o e-restyling di iconiche vetture, il futuro elettrico dell’automotive è una questione di filosofia

Julien Oppenheim

Nostalgici o visionari, che guidatori di auto elettriche saremo?

Con le previsioni che indicano il 2025 come l’anno cruciale della e-revolution nel mondo dell’automotive, forse è il caso di iniziare a capire quale potrebbe essere l’auto elettrica perfetta.

Non c’è comunque ragione di farsi prendere dal panico, guardando i modelli attualmente disponibili e gli ultimi prototipi, infatti, è già possibile cominciare a farsi un’idea della propria macchina elettrica ideale.

Per scremare le possibili candidate, occorre in primis fare una piccola indagine interiore per comprendere se si è pronti a intraprendere un nuovo cammino verso i più avveniristici orizzonti del design a quattro ruote o se si è ancora innamorati dell’inconfondibile profilo di qualche iconica vettura del passato.

Anche per gli irriducibili dell’estetica ventesimo secolo esiste, infatti, la possibilità di un’evoluzione green e di un salto nel futuro, grazie agli “e-restyling” di alcune indimenticabili automobili del passato.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Citroën E-MEHARI
Ufficio Stampa Citroën

Uno di questi è la nuova macchina elettrica Citroën E-MEHARI, la riedizione smart di una vettura che ha segnato un’epoca.

Colorata, versatile e sofisticatamente essenziale, la nuova auto elettrica Citroën non tradisce lo spirito della sua celebre antenata del 1968 e si proietta nel futuro grazie a un’alimentazione 100% elettrica, a materiali all’avanguardia e a modernissime soluzioni tecniche.

A consolidare il fascino avventuroso Méhari, tetti removibili e interni impermeabili, lavabili con una semplice canna dell’acqua.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Mini Electric Classica
Ufficio Stampa Mini

Nel futuro dei veicoli elettrici ci sarà spazio anche per i guidatori più british grazie alla Mini Electric Classica.

Il fascino compatto di uno dei più fortunati esempi di design a quattro ruote non smette di sedurre nemmeno nel terzo millennio con una rivisitazione completamente elettrica della Mini.

Charme vintage e tecnologia all’avanguardia, zero emissioni e kart feeling, tinte rosso fiammante e nuovi piccoli dettagli, completano il fascino unico di questa inconfondibile e-car.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Jaguar E-Type Zero
Ufficio Stampa Jaguar

Lo stile britannico contraddistingue anche un’altra vettura simbolo delle novità in tema di auto elettrica: la Jaguar E-Type.

Per l’arrivo della e-revolution, anche il veicolo eletto da Enzo Ferrari come "l'auto più bella del mondo” scopre un’anima elettrica trasformandosi nella Jaguar E-Type Zero.

Basata sul progetto originale dell’E-Type Roadster del 1968, quest’auto d'epoca a prova di futuro, fonde zero emissioni, sofisticate linee rétro e strumentazioni ultra contemporanee.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Hyundai Kite
Danila Giancipoli for IED Torino

Chi, invece, non sente di avere particolari legami con il passato può esplorare i più avveniristici orizzonti del futuro automotive, abitati non solo da vetture avveniristiche ma anche da nuovi modi di intendere l’idea stessa di mobilità.

La differenza tra terra e acqua, ad esempio, nel futuro verrà dimenticata grazie a veicoli come la Hyundai Kite: una concept car elettrica, nata dalla collaborazione tra la casa coreana e lo IED Torino, che, reinterpretando un veicolo super seventies, fonde in un’unica automobile elettrica una dune buggy e un jet-ski.

Priva di apparenti barriere tra interno ed esterno, la Kite, sviluppa anche una nuova filosofia di interazione uomo-macchina che delega la maggior parte dei controlli agli smartphone.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Lagonda Vision Concept
Ufficio Stampa Aston Martin

Nel futuro ultra-tecnologico a quattro ruote ci sarà spazio anche per l’eleganza, come dimostra Aston Martin con il progetto della Lagonda Vision Concept.

Una macchina elettrica e un brand nati per trasportare il concetto di lusso nel futuro, rivoluzionandolo attraverso moderno design e soluzioni green.

Grazie alla guida autonoma, la vettura sarà simile a un vero living, impreziosito da elementi di seta e cachemire lavorati artigianalmente, finiture in carbonio e componenti di ceramica.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Renault EZ-GO Concept
Julien Oppenheim

Dalla Francia arriva la Renault EZ-GO Concept, un veicolo elettrico e connesso, dotato di guida autonoma.

Un’automobile collettiva, ma completamente personalizzabile, che diventerà una porzione di città in movimento e che grazie a un sofisticato programma di ride sharing sarà in grado di armonizzare gli spostamenti metropolitani, ospitando fino a un massimo di 6 persone.

L'auto elettrica Renault è un salotto mobile dotato di realtà aumentata, wi-fi, servizi professionale, turistici e d’intrattenimento.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Volkswagen Sedric
Ufficio Stampa Volkswagen

Sempre basato sul concetto di modulo autonomo, è anche il sistema Self Driving Car, per gli amici Sedric, di Volkswagen, un altro piccolo living a guida autonoma.

Niente volante, niente pedali, ma tanto comfort, tanta tecnologia e un complesso algoritmo a coordinare tutti i movimenti.

Per attivare il sistema e farsi venire a prendere dal veicolo più vicino basterà premere il pulsante di una piccola chiave digitale.

Le informazioni e le preferenze memorizzate nel database, consentiranno a ogni modulo di vestirsi ogni volta di un piacevole senso di casa.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Altri da Lifestyle