ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Complementi d'arredo in bianco e nero con effetto graffiato

Complementi e oggetti di design scelgono grafismi contemporanei dal tocco maschile

I complementi d'arredo abbandonano la tinta unita per vestirsi di un nuovo mood grafico: effetto graffiato, cerchi non finiti in bianco e nero, rivestimenti al maschile e un tocco di rosso per oggetti di design per la casa e finiture tendenza della stagione autunno-inverno.

Agata è la nuova collezione di  disegnata da Sovrappensiero Studio per Incipit lab. Si tratta di oggetti di arredo per la casa dalle linee minimali e dal design discreto ma capace di far risaltare con fermezza la propria presenza. Il concept del progetto è rendere essenziale un accessorio immancabile in ogni ambiente: ogni lampada è infatti composta da un corpo in metallo che delimita una figura geometrica (ora un cerchio, ora un’ellisse) con un paralume di vetro specchiato al suo interno. La base è in legno. Ogni lampada si può usare da sola o in composizione con altre, sia in fila che a grappolo.

Rubelli Design Studio per il tessuto Giotto ha voluto ricreare l’effetto di manualità e immediatezza di tocco di uno schizzo fatto a mano. I filati sono composti da cotone e viscosa, fibra quest’ultima che dona luminosità al tessuto. Oltre ai colori non colori realizzati in quattro varianti, spiccano all’interno della palette le nouances ruggine e blu acqua.

Metallico, il tavolo proposto da Piero Lissoni per Porro, è un complemento d’arredo si distingue per la leggerezza del piano e delle gambe, entrambi realizzati in lamiera d’alluminio con spessore 12 mm. Il modello viene proposto nelle versioni rettangolare e quadrata e può essere realizzato anche su misura. Adatto sia per sale da pranzo che per zone riunione è disponibile nei colori bianco, nero, rosso antico, marrone bruciato, grigio porfido e ottone brunito. La particolare finitura superficiale, vellutata al tatto ed esteticamente pregiata, viene ottenuta tramite una verniciatura catalizzata ad alto spessore e alle successive fasi di levigatura e ceratura a mano, che ne conferiscono lo straordinario effetto materico.

Il best seller Glove, la seduta di Patricia Urquiola per Molteni&C, nella nuova versione 2016 è rivestita dai tessuti della capsule collection firmata Marta Ferri, la giovane ideatrice di questa collezione tessile. Nella variante di tessuto Materia la designer si è ispirata al mondo naturale. La struttura tecnologica di Glove, grazie a strategiche imbottiture e alla messa in tensione tramite leggere finiture metalliche, abbandona il rivestimento monocromo per accogliere la nuova texture prodotta in serie limitata.

Stanford firmata da Jean-Marie Massaud per Poliform è una poltroncina caratterizzata dalla leggerezza del disegno: un guscio sottile e avvolgente come un abito appoggia su un’esile struttura in alluminio pressofuso. Il rivestimento è disponibile in tessuto e pelle. 

Creed lounge, la poltroncina by Rodolfo Dordoni per Minotti, rispecchia il nuovo modo di pensare lo spazio abitato non solo come “machine à habiter”, come lo definì Le Corbusier, ma come uno spazio domestico all’insegna di un’eleganza rilassata. La poltroncina coniuga in modo ineccepibile un’estetica formale a un grande comfort. Lo schienale, caratterizzato da una forma avvolgente, ha un guscio esterno in poliuretano strutturale stampato a caldo associato a poliuretano flessibile stampato ad alta densità. Le gambe, dalla linea slanciata, sono proposte nelle finiture massello di Sucupira tinto Visone e massello di frassino laccato Moka a poro aperto.

Il rivestimento Slimtech Naive, design by Patrick Norguet per Lea Ceramiche, trae ispirazione da una tecnologia d’avanguardia. È l’incontro fra design e tecnologia, fra artigianato e industria, fra grès porcellanato e smalti. I pattern, che ricordano linee a matita tracciati con cura, evocano un intreccio, una rete di segni casuale che emana un candore emozionante. La leggerezza e le dimensioni delle lastre sottolineano la delicatezza di queste linee che si incrociano e diventano imprevedibili. Un gioco di segni e di ritmo per superfici vibranti e misteriose declinabili in diversi colori.


di Testo di Ilaria Bacciocchi. Selezione di Tamara Bianchini e Murielle Bortolotto / 13 Ottobre 2016

CORNER

Speciale best of collection

[Speciale best of]

La sedia indoor-outdoor

Emma, il pezzo di design che si adatta ai diversi modi di abitare

Oggetti di design

[Speciale best of]

Lato B mozzafiato

7 sedie imbottite che presentano schienali davvero particolari

Best of 2017

[Speciale best of]

Tavoli pranzo per grandi spazi

I tavoli arredo 2018 sono segni architettonici e monoliti moderni

Best of 2017

[Speciale best of]

6 divani lineari ever green

Una selezione di divani moderni lineari che non passeranno di moda

Best of 2017

[Speciale best of]

Una poltrona per due

Totale relax da godersi da soli o in compagnia

Best of 2017

[Speciale best of]

Riposo ultra light

10 letti che interpretano il confort con un design leggero

Best of 2017

[Speciale best of]

Idea, eleganza e verità

Intervista ad Alessandro Stabile, che trova il design dappertutto

Best of Design 2017

[Speciale best of]

La poltroncina è femmina

Le poltroncine design tendenza 2018 sono curvy e sexy

Best of 2017

[Speciale best of]

Pane e design

La design week di Milano vista con gli occhi di Francesco Meda

Best of Design 2017

別れさせ屋 京都

узнать больше

kamod.net.ua

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |