L'estate di Venezia in 4 eventi nei palazzi più belli della città

Arte, architettura e design negli appuntamenti del Fuori Biennale che animano le location più suggestive della città lagunare

INSTALLAZIONE DI JACOB HASHIMOTO, THE END OF UTOPIA, PALAZZO FLANGINI, COURTESY STUDIO LA CITTÀ, VERONA
@MICHELE ALBERTO SERENI

In questo preludio d’estate Venezia non offre solo l’esperienza di visitare la 57. Biennale d’Arte, ma anche il programma di quello che è ormai chiamato Fuori Biennale presenta una serie di appuntamenti davvero imperdibili nelle location più suggestive della città lagunare.

Ecco la nostra selezione di eventi del Fuori Biennale 2017 che coniugano arte, architettura e design.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Beverly Barkat: Evocative Surfaces, Museo di Palazzo Grimani
Beverly Barkat: Evocative Surfaces, Museo di Palazzo Grimani
@Vartivar Jaklian​​

Nella cornice di Palazzo Grimani vi attende Beverly Barkat: Evocative Surfaces (fino al 26 novembre), una mostra personale dell’artista israeliana che ha realizzato proprio per gli ambienti rinascimentali del palazzo (in cui hanno lavorato i più importanti architetti e artisti della Serenissima come Palladio, Serlio, Sansovino e Giogione) una serie di grandi pannelli in pvc che sono un trionfo di colori vibranti. Il risultato è uno spettacolo che attraversa l’antico e il contemporaneo.

Beverly Barkat: Evocative Surfaces, Museo di Palazzo Grimani
Beverly Barkat: Evocative Surfaces, Museo di Palazzo Grimani
@Vartivar Jaklian​

The End of Utopia (fino al 30 luglio) è la mostra allestita presso Palazzo Flangini dedicata agli artisti americani Jacob Hashimoto e Emil Lukas. L’installazione di Hashimoto è composta da una nuvola densa di 8500 aquiloni neri di carta e bambù sospesi, metafora poetica di un cielo stellato.

Installazione di Jacob Hashimoto, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
Installazione di Jacob Hashimoto, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
@Michele Alberto Sereni​​
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Installazione di Jacob Hashimoto, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
Installazione di Jacob Hashimoto, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
@Michele Alberto Sereni​​

Lukas ci sorprende con Lens, una scultura concava di 650 tubi di alluminio che costruiscono una gigantesca lente capace di produrre sorprendenti effetti visivi.

Lens, Emil Lukas, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
Lens, Emil Lukas, The End of Utopia, Palazzo Flangini, courtesy Studio la Città, Verona
@Michele Alberto Sereni​​

La Fondazione Prada di Ca’ Corner della Regina, presenta The Boat Is Leaking. The Captain Lied (fino al 26 novembre). I protagonisti della mostra? Tre leggende viventi tedesche: il regista Alexander Kluge, l’artista Thomas Demand e la scenografa Anna Viebrock.

Anna Viebrock, Palcoscenico, 2017 - Alexander Kluge, Terror = Furcht und Schrecken (Terrore = paura e orrore), 2017, The Boat is Leaking. The Captain Lied,Fondazione Prada, courtesy Fondazione Prada
Anna Viebrock, Palcoscenico, 2017 - Alexander Kluge, Terror = Furcht und Schrecken (Terrore = paura e orrore), 2017, The Boat is Leaking. The Captain Lied,Fondazione Prada, courtesy Fondazione Prada
@Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti​

Nei saloni di Ca’ Corner vi aspetta un viaggio metafisico tra fotografie, allestimenti scenografici e video-proiezioni che raccontano l’universo creativo dei tre German masters.

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Pubblicità - Continua a leggere di seguito
Thomas Demand, Konstellation, 2000 - Anna Viebrock, Porte, 2012 - Thomas Demand, Archiv, 1995, The Boat is Leaking. The Captain Lied,Fondazione Prada, courtesy Fondazione Prada
Thomas Demand, Konstellation, 2000 - Anna Viebrock, Porte, 2012 - Thomas Demand, Archiv, 1995, The Boat is Leaking. The Captain Lied,Fondazione Prada, courtesy Fondazione Prada
@Delfino Sisto Legnani e Marco Cappelletti​​

Infine all’Arsenale Nord, alle Tese 98-99, all’interno della mostra Memory and Contemporaneity(fino nel 26 novembre) incentrata sul valore della memoria artistica e culturale della Cina, potrete ammirare i design pieces di cinque grandi maestri italiani: Antonio Citterio, Stefano Giovannoni, Piero Lissoni, Italo Rota e Michele De Lucchi hanno ciascuno realizzato un oggetto d’arredo unico ispirato all’arte decorativa cinese usando materiali quali legno, ceramica e seta.

Tavolo Convivio, designed by Italo Rota, Memory and Contemporaneity, Evento Collaterale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.
Tavolo Convivio, designed by Italo Rota, Memory and Contemporaneity, Evento Collaterale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.
Courtesy Photo
Armchair, designed by Stefano Giovannoni, Memory and Contemporaneity, Evento Collaterale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.
Armchair, designed by Stefano Giovannoni, Memory and Contemporaneity, Evento Collaterale della 57. Esposizione Internazionale d’Arte - La Biennale di Venezia.
Courtesy Photo

Quando l’arte chiama, Venezia risponde.

In apertura: INSTALLAZIONE DI JACOB HASHIMOTO, THE END OF UTOPIA, PALAZZO FLANGINI, COURTESY STUDIO LA CITTÀ, VERONA

Pubblicità - Continua a leggere di seguito
別れさせ屋 成功

https://velotime.com.ua