ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Biennale Venezia 2017: tutto quello che dovete sapere

Tutti pronti per la 57esima Biennale Arte Venezia, l'esposizione internazionale curata quest'anno da Christine Macel

biennale-venezia-2017

Illustrazione di Riccardo Miotto

Mancano pochi giorni all’inaugurazione della Biennale Venezia 2017, la 57esima Biennale Arte che aprirà al pubblico sabato 13 maggio fino al 26 novembre 2017 e il cui percorso si snoderà tra l’Arsenale e i padiglioni dei Giardini di Castello.

Viva Arte Viva: è questo il titolo scelto dalla curatrice francese Christine Macel (foto sotto), un titolo declinato come un’esclamazione di incoraggiamento e fiducia che racchiude lo spirito di questa Biennale di Venezia che diventa la celebrazione dell’esistenza dell’arte stessa e degli artisti. 

Christine Macel è la curatrice della 57. Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia. Parigina doc e curatore capo del Musée National d’Art Moderne Centre Pompidou di Parigi, Chrsitine Macel ha pensato Viva Arte Viva come un complesso racconto di vite d’artista. Photo Getty Images

 

86 paesi rappresentati, 120 artisti invitati, di cui 103 sono alla prima esperienza in Biennale, un messaggio chiarissimo che riconosce spazio di espressione a nuove generazioni di artisti. La curatrice Christine Macel, che dal 2000 ricopre il ruolo di curatore capo del Musée National d’Art Moderne Centre Pompidou di Parigi, parla di un ‘nuovo umanesimo' in cui “l’arte ci costruisce e ci edifica”; Viva Arte Viva è stata concepita come la Biennale del dialogo tra l’arte e il mondo, tra gli artisti e il pubblico, ovvero come una piattaforma aperta al confronto tra infinite individualità desiderose di un futuro che legge le incertezze e i paradossi della contemporaneità come opportunità di rinascita nel rispetto della molteplicità delle posizioni. 

“È un sì alla vita, certamente seguito da un ma, in un momento di disordine globale. Più che mai, il ruolo, la voce e la responsabilità dell’artista appaiono dunque cruciali nell’insieme dei dibattiti contemporanei. È grazie alle individualità che si disegna il mondo di domani, un mondo dai contorni incerti, di cui gli artisti meglio degli altri intuiscono la direzione”. In questa dichiarazione di Christine Macel è racchiusa la ragione generatrice di questa 57. Biennale d’Arte.

Una struttura inedita è stata pensata da Macel per il Padiglione Centrale e l’Arsenale: la mostra è suddivisa in nove mondi - due nel Padiglione Centrale dei Giardini e sette in Arsenale - definiti Trans-padiglioni: un omaggio ai padiglioni nazionali della storica location dei Giardini, ma pensati con slancio transnazionale, superando la singola identità e coinvolgendo più universi territoriali. I Trans-padiglioni, dai nomi suggestivi ed esotici, sono le tappe di un viaggio o i passi di una coreografia di demoni danzanti o ancora i capitoli di un’opera letteraria attraverso i quali il visitatore può muoversi in modo fluido in quanto il percorso, pur essendo la traccia di un sistema comune, non impone una direzione predefinita: Christine Macel ci invita a seguire un libero flusso catartico per comprendere noi stessi e chi/cosa ci circonda.

Per soddisfare la vostra curiosità, eccone una breve sintesi: nel Padiglione Centrale dei Giardini vi attendono il Padiglione degli Artisti e dei Libri e il Padiglione delle Gioie e delle Paure mentre in Arsenale esplorerete il Padiglione dello Spazio Comune, il Padiglione della Terra, il Padiglione delle Tradizioni, il Padiglione degli Sciamani, il Padiglione Dionisiaco, il Padiglione dei Colori e in chiusura il Padiglione del Tempo e dell’Infinito.

Anche il Padiglione Italia, a cura di Cecilia Alemani, punta su giovani artisti con le opere di Giorgio Andreotta Calò, Roberto Cuoghi e Adelita Husni-Bey. Un ultimo consiglio per questa Biennale 2017? Non perdetevi il Padiglione delle Arti Applicate allestito in collaborazione con il Victoria and Albert Museum di Londra.

Buon viaggio nell’arte!

 

SCOPRI ANCHE:

Cosa vedere a Venezia oltre la Biennale: gli indirizzi più cool


di Giovanni Carli / 8 Maggio 2017

CORNER

Biennale Venezia collection

[Biennale Venezia]

Biennale essentials

Tutto quello che serve per organizzare la visita a Venezia

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

Leone d'Oro a Frampton

Il teorico inglese verrà premiato alla Biennale Architettura 2018

Biennale Architettura

[Biennale Venezia]

Vatican Chapels

I 10 progetti della Santa Sede per la Biennale di Venezia

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

SOS Brutalismo

Un palazzo di Londra arriva all'Arsenale di Venezia

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

Un'isola nella tempesta

Il progetto del Padiglione Inglese alla Biennale di Venezia 2018

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

Inside Freespace

Guida ragionata alla prossima Biennale di Architettura di Venezia

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

La Biennale delle Grafton

Come sarà la mostra Freespace? La parola alle due curatrici

Biennale di Venezia 2018

[Biennale Venezia]

Creare un futuro più umano

Homo Faber, a Venezia una grande mostra dedicata all'artigianato

mostre

[Biennale Venezia]

Un serpente di vetro a Venezia

L'imponente installazione di Pae White per Le Stanze del Vetro

installazioni

here best-products.reviews

узнать больше alex-car.com.ua

here designedby3d.com

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |