ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Riapre a Venezia il capolavoro sconosciuto di Carlo Scarpa

Grazie (anche) a Steven Holl torna alla sua funzione originaria la Fondazione Masieri, semisconosciuta ai più proprio per la lunga chiusura

fondazione-masieri-carlo-scarpa-riapre-a-venezia
John Volpato

Dobbiamo ringraziare Steven Holl se a breve potremo finalmente riscoprire dal vivo uno dei capolavori meno conosciuti di Carlo Scarpa: grazie al suo intervento sembra giunta al termine la prolungata chiusura della Fondazione Masieri a Dorsoduro. La struttura, affacciata sul Canal Grande e gestita dall’Iuav (Istituto Universitario di Architettura di Venezia), si trasformerà in una foresteria per ricercatori e studenti internazionali.  

In origine il Masieri Memorial venne addirittura commissionato dal proprietario prematuramente scomparso, Angelo Masieri, a  Frank Lloyd Wright, ma il progetto fu ufficialmente respinto dalla Municipalità di Venezia nel 1955. Fu solo nel 1968 che Carlo Scarpa, tra i più importanti architetti e creativi del XX secolo,  venne incaricato di avviare il progetto di riforma della Fondazione, per ridisegnare l’interno della Palazzina mantenendo la facciata esterna dell’edificio. La proposta di Scarpa ottenne l’approvazione da parte del Consiglio Comunale veneziano nel 1972. L’edificio disegnato dal noto architetto venne completato nel marzo del 1983 e fu ultimato, dopo la sua scomparsa, dall’ingegner Carlo Maschietto e dall’architetto Franca Semi. Quindi la Fondazione è rimasta a lungo la sede dell’Archivio Progetti di Iuav e uno spazio espositivo per alcune mostre, mentre ora riacquisirà la sua funzione originaria, ossia quella di offrire un alloggio ai giovani meritevoli e seriamente impegnati nel loro percorso di studi. 

Verrà completata l’opera di Scarpa, aggiungendo alcune stanze per ospitare studenti e ricercatori provenienti da università italiane ed estere che, a rotazione durante l’anno, si alterneranno come ospiti della struttura e saranno perfezionati determinati spazi per le attività formativi e i workshop organizzati da istituzioni internazionali. 

Al progetto è interessata un’associazione di architetti statunitense, della quale fa parte anche l’architetto Steven Holl, disposto a finanziare l’intero progetto a patto di poter utilizzare la Fondazione Masieri per le proprie attività in periodi specifici. Nuova vita, dunque, a questo suggestivo edificio, che darà senz’altro il via a una sua riscoperta.

LEGGI ANCHE:
Il nuovo volto della Scuola Grande della Misericordia
→ La mostra a Venezia che racconta quello che gli uomini sanno fare meglio delle macchine
→ Rem Koolhaas e la rinascita del Fondaco dei Tedeschi
→ Cosa visitare a venezia: 8 gallerie d'arte e librerie da non perdere


di Elena Marzorati / 4 Dicembre 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Just do it

Watts Towers: storia di un capolavoro italiano a Los Angeles

Travel

[Architettura]

La nuova vita di Detroit

Tra le strade della ex-Motor City rialzatasi grazie alla creatività

Itinerari

[Architettura]

Lo stadio smontabile

Mondiali Qatar: Fenwick Iribarren realizza uno stadio fatto di container

Architettura contemporanea

[Architettura]

Swing in Verticale

Herzog & de Meuron firma il suo primo grattacielo residenziale a NY

casa moderna

[Architettura]

Arte immersiva

Camminare dentro un quadro? A Parigi si potrà

progetti

[Architettura]

La Beirut segreta

Elegante e resiliente, la capitale del Libano in un tour da intenditori

Itinerari

[Architettura]

Una stanza in mezzo al lago

Una vecchia centrale idroelettrica diventa hotel sull'acqua

hotel di design

[Architettura]

A spasso per Tbilisi

Tutto quello che c'è da vedere nella capitale della Georgia

Itinerari

[Architettura]

CityLife Shopping District

Apre a Milano un nuovo mondo di shopping e intrattenimento

negozi di design

©2017 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |