ELLEdecor.it
X

Questo sito utilizza cookie, inclusi cookie di terze parti. Alcuni cookie ci aiutano a migliorare la navigazione nel sito, altri sono finalizzati a inviare messaggi pubblicitari mirati. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra , che ti invitiamo pertanto a consultare. Accedendo alla nostra , inoltre, potrai negare il consenso all'installazione dei cookie

irefuse Italia

Il fantasma di Le Corbusier in una casa al mare di Fran Silvestre

Sulla spiaggia di Castellon una villa contemporanea che reinterpreta l'architettura mediterranea

casa-al-mare-casa-de-la-brisa-fran-silvestre-le-corbusier
© Diego Opazo

C’è il fantasma di Le Corbusier nella casa al mare disegnata da Fran Silvestre sulla spiaggia di Castellon. Come dimenticare quella stanza a cielo aperto che l’architetto svizzero aveva progettato nel 1929 per l’eccentrico milionario messicano Charles de Beistegui a Parigi? Probabilmente Fran Silvestre, ancora studente, ne aveva visto la fotografia, l’unica testimonianza sopravvissuta al tempo di quel progetto. Poi sinapsi, fantasia e passione hanno fatto il resto ed ecco che quella antica intuizione di Le Corbusier rivive oggi in una casa spagnola. D’altronde a pochi metri c’è il Mare delle Baleari, e niente può essere meglio di una stanza a cielo aperto per godersi le stelle estive e la brezza marina (si chiama “Casa de la Brisa” non a caso).

© Diego Opazo

I suoi committenti andavano a Castellon da piccoli, durante le vacanze estive. Poi una vita trascorsa nell’Europa continentale, ma il richiamo del Mediterraneo era più forte. Così tornano e incaricano Fran Silvestre di costruire questa casa al mare dove prima c’era una vecchia villa. La sua poetica è mediterranea fino al midollo. Così come aveva fatto Le Corbusier anche Fran Silvestre si lascia ispirare dai volumi semplici e dalle tinte chiare delle case mediterranee tradizionali e le reinterpreta. Dell’alfabeto del maestro svizzero Silvestre prende il Toit terrasse, la Fenêtre en longueur e il Plan libre; mentre mutua da Alvaro Siza il gioco essenziale nella composizione dei volumi. La sensibilità alla proporzione e la cura al dettaglio fanno il resto e il risultato è una casa che si pone in continuità con le esplorazioni linguistiche che Fran Silvestre sta conducendo in questi anni. Così come sono coerenti al linguaggio dello studio anche gli interni: algidi e total white fino al limite (in tutti gli ambienti della casa), dalla sala open space alle due camere da letto, fino allo studiolo.

© Diego Opazo

© Diego Opazo

© Diego Opazo

in data:

 

Le Corbusier, 1929. Appartamento sugli Champs-Elysées

 

LEGGI ANCHE:

Una casa nel bosco in Spagna disegnata da Fran Silvestre: Casa Entre la Pinada


di Pietro Terzini / 3 Agosto 2017

CORNER

Architettura collection

[Architettura]

Timber is the new steel

Il legno che non ti aspetti

mostre

[Architettura]

Amore e design

San Valentino nelle cinque capitali romantiche d’Europa

Travel

[Architettura]

Napoli col cuore

L'ultimo libro di Davide Vargas è una guida sentimentale di Napoli

Travel

[Architettura]

Verticale e popolare

Il nuovo progetto di social housing di Stefano Boeri a Eindhoven

progetti

[Architettura]

Fez per esploratori

Alla scoperta di uno dei centri più attraenti del mondo islamico

Travel

[Architettura]

Architettura del reale

I documentari che ogni architetto dovrebbe vedere nel 2018

Costume

[Architettura]

7 architetti per New York

I progetti dei migliori architetti per migliorare (o salvare) NY

progetti

[Architettura]

Il 2018 a Berlino

Libertà e cultura, arte e design: anche nel 2018 Berlino è imperdibile

Travel

[Architettura]

Terme di Caracalla in 3d

A Roma il primo sito archeologico italiano interamente visitabile in 3D

Tecnologia

альпари форекс

iwashka.com.ua/

подробнее

©2018 irefuse - - P. | VIA Monyka Salym, 6, ,

| | |